contatore visite gratuito
In evidenza
Home - Temi - Le crisi nel mondo

Le crisi nel mondo

In questa sezione vi raccontiamo le crisi in corso o recenti, che affliggono alcuni Paesi nel mondo.

Cliccate sui loghi nella colonna di destra per accedere ai contenuti dedicati.

febbraio, 2017

  • 27 febbraio

    Il ritorno dell’Orso nell’Hindu Kush: la Russia in Afghanistan

    La Russia ritorna sui suoi passi. Quasi a voler esorcizzare lo spettro del cimitero che l’Afghanistan rappresentò per l’Unione Sovietica. Tra le montagne dell’Hindu Kush, Putin prova a giocare le carte del suo mazzo per stabilizzare la regione centro-asiatica. Regione che per il Cremlino ha un ruolo di primaria importanza, sia per un discorso inerente ai confini meridionali della Federazione che per questioni economiche

dicembre, 2016

  • 24 dicembre

    Terrorismo: da Berlino a Milano, che cosa è successo?

    Hot Spot – Questa settimana l’Europa è stata scossa da un altro tragico evento legato al terrorismo di matrice islamica. Proviamo a capire meglio

  • 16 dicembre

    Emergenza rifugiati: aumentano i minori stranieri non accompagnati

    In questi ultimi anni la presenza di  minori rifugiati nei centri di accoglienza europei è andata aumentando, soprattutto in Italia, dove sono giunti negli ultimi mesi oltre 16.800 minori non accompagnati. Questi rappresentano circa il 15% di tutti gli arrivi via mare, mentre nel 2015 costituivano appena l’8%. Si tratta quindi di una presenza elevata, che espone migliaia di bambini e ragazzi a gravi pericoli quali il traffico degli esseri umani e lo sfruttamento della prostituzione minorile. Pericoli che le autorità europee e internazionali stanno cercando di ridurre attraverso diverse politiche volte a salvaguardare l’incolumità dei minori rifugiati

novembre, 2016

  • 18 novembre

    Yemen: guerra e terrorismo in uno Stato fallito

    Da diversi anni lo Yemen vive una grave situazione di instabilità: con la caduta di Saleh nel 2011, le tensioni politiche hanno continuato a peggiorare, fino ad arrivare all’attuale divisione violenta del Paese in due parti, una controllata dagli Houthi e l’altra dall’ex Vice-Presidente Hadi. Al momento non si vede una soluzione a questo conflitto, che sta avvantaggiando soprattutto formazioni terroristiche come AQAP e ISIS

  • 17 novembre

    Una mano col sostegno a distanza

    L’adozione a distanza è uno strumento concreto di aiuto verso donne e minori in condizioni di disagio. Eccovi una campagna per saperne di più

  • 1 novembre

    Fra l’incudine e il martello: le proteste in Bahrain

    Nate nel febbraio 2011, durante la Primavera Araba, le proteste in Bahrain hanno visto un’elevata partecipazione da parte della popolazione, con centinaia di migliaia di persone scese in piazza per manifestare contro il regime della dinastia Al Khalifa e per rivendicare maggiori diritti politici. Queste proteste continuano tuttora e si collocano in un quadro geopolitico delicato, in cui le potenze regionali hanno forti interessi nella sopravvivenza della monarchia degli Al Khalifa o nella sua caduta

ottobre, 2016

  • 24 ottobre

    Pechino e il mare della discordia

    In 3 sorsi – La decisione delle Filippine di portare la Cina di fronte alla Corte permanente di arbitrato non è stata una mossa felice per risolvere la complessa questione del Mar Cinese Meridionale. La sentenza pronunciata a sfavore della Cina ha, infatti, agitato ancora di più le acque tanto da ostacolare quel dialogo che la Repubblica Popolare Cinese (RPC) tenta di avere con tutti gli attori coinvolti e non

settembre, 2016

  • 28 settembre

    La lunga estate della Libia (II)

    L’estate ha visto le forze leali o alleate di Tripoli essere molto vicine a vincere definitivamente la battaglia per Sirte, aiutate dall’intervento aereo statunitense. Dal canto suo, Haftar, in difficoltà nel liberare Bengasi, ha occupato i terminal della “mezzaluna petrolifera”. L’Italia invia un ospedale e 200 paracadutisti a Misurata. 

  • 28 settembre

    Vecchi nemici, nuovi scenari: la penisola coreana a un bivio

    La Corea del Nord ha celebrato il 68° anniversario della sua nascita dando letteralmente una scossa all’Asia e al mondo. Un terremoto di magnitudo 5.3 della scala Richter è stato infatti registrato nella penisola coreana a seguito del quinto test nucleare di Pyongyang. Kim Jong-un, leader giovane e imprevedibile, sembra non curarsi delle condanne della comunità internazionale e si mostra determinato a proseguire il suo pericoloso braccio di ferro con Washington e Seoul.

  • 26 settembre

    La lunga estate della Siria (II)

    Dopo i combattimenti da marzo a giugno in Siria, l’offensiva curda verso Raqqa crea un problema strategico per Assad. Che per reagire rinuncia a ogni cautela.