Home - Gli speciali - La Cina e i suoi vicini

La Cina e i suoi vicini

Nei primi anni novanta, la distensione internazionale seguita alla fine della Guerra fredda e dell’ordine mondiale bipolare, all’indomani del collasso dell’Unione Sovietica, ha favorito l’affermazione di nuovi poli economici ed industriali.
Lo scacchiere geopolitico del sud-est asiatico, da teatro di confronto ostile dei blocchi, sovietico e atlantico, è divenuto il nucleo focale degli interessi strategici della nuova potenza economica mondiale, la Cina.
È in Asia sud-orientale, che la Cina considera da sempre una propria zona di influenza, che si gioca la competizione con i Paesi più forti della regione, Giappone e India.
È a partire dall’Asia sud-orientale che la Cina consolida il suo progetto di ascesa pacifica e la sua strategia di sviluppo economico, ed è in questa regione che la Cina esercita il proprio soft power, facendo leva sullo storico retroterra culturale, con l’ambizione di riconquistare il suo tradizionale ruolo di tutore degli equilibri e della sicurezza regionale.
Il Caffè Geopolitico si propone di approfondire l’analisi dell’espansione dell’influenza cinese nei confronti dei suoi “vicini minori” facendo emergere gli interessi strategici, gli orientamenti geopolitici, geoeconomici e geoenergetici che condizionano le dinamiche politiche della regione.
Attraverso articoli e interviste esamineremo il progetto strategico cinese, le relazioni con i Paesi vicini e con le organizzazioni regionali.

Cina e Giappone: verso una “cooperazione armata”?

Per il Giappone la Belt and Road Initiative rappresenta un dilemma. Deve essere ostacolata in quanto proiezione delle ambizioni egemoniche cinesi oppure può favorire il business delle aziende giapponesi nelle medesime aree d’interesse? E soprattutto: vista la “virata protezionistica” di Trump, il Giappone ha la forza di contrastarla da solo?

Leggi tutto »

Fuxing: la svolta ad alta velocità della Cina

La Cina ha sviluppato la rete ferroviaria ad alta velocità più estesa al mondo. Oltre a favorire la mobilità interna e a rappresentare parte della strategia di ribilanciamento economico, l’alta velocità gioca un ruolo fondamentale nella Nuova Via della Seta che collega Pechino con i Paesi del Sud-Est Asiatico

Leggi tutto »

Nell’occhio del Dragone: Myanmar e il “Pivot” cinese nell’Oceano Indiano

Negli ultimi anni si è registrata una netta crescita degli interessi militari e commerciali cinesi verso l’Oceano Indiano. In tale contesto il Myanmar, Paese che ha recentemente destato l’attenzione della stampa mondiale per la crisi dei Rohinghya, gioca per molteplici motivi un ruolo di primaria importanza per la proiezione strategica di Pechino nella regione

Leggi tutto »

Kirghizistan: un fragile ponte fra Cina e Russia

In 3 sorsi – Nello spazio geopolitico ex sovietico, il Kirghizistan rappresenta uno snodo cruciale sia per i contatti storici con la Russia che per i rapporti commerciali con la Cina. Quest’ultima sta investendo notevolmente in questo Paese dell’Asia centrale, nonostante i grossi problemi interni di Bishkek che rischiano di avere gravi ripercussioni per l’intera regione

Leggi tutto »

Russia e Cina: solida alleanza o espediente temporaneo?

In 3 sorsi – Il 3 e il 4 luglio scorsi il Presidente cinese  Xi Jinping è tornato in Russia per un incontro formale con Vladimir Putin. Si tratta del loro secondo vertice quest’anno dopo quello di marzo e i due leader hanno confermato la comunanza di vedute su numerose questioni internazionali. Molti però continuano a dubitare dell’amicizia sino-russa, adducendo diverse tensioni latenti tra i due Paesi. E’ dunque prematuro parlare di blocco geopolitico tra Mosca e Pechino nella regione asiatica?

Leggi tutto »

Nuova Via della Seta? Tokyo dice No

In 3 sorsi – La “One Belt, One Road Initiative” (OBOR), ovvero il progetto economico e infrastrutturale panasiatico promosso con una certa fanfara da Pechino, non piace a tutti i Paesi vicini. Men che meno al Giappone, che già da decenni investe in ferrovie, porti e centrali elettriche non solo nel Sud-est asiatico ma anche in Africa e negli Stati Uniti. La controstrategia di Tokyo si chiama Japan Infrastructure Initiative: ecco in cosa consiste e quali sono i suoi scopi

Leggi tutto »