contatore visite gratuito
In evidenza
Home - Gli speciali - In 3 sorsi

In 3 sorsi

marzo, 2017

  • 24 marzo

    Il viaggio di Putin in Kirghizistan

    In 3 sorsi – Il Presidente russo si è recato in Kirghizistan a conclusione di un “tour” che lo ha visto impegnato a visitare le ex repubbliche sovietiche dell’Asia centrale. Sul tavolo dei colloqui si è parlato di una maggiore integrazione economica tra i due Paesi e del rafforzamento della collaborazione riguardante sicurezza e antiterrorismo. Il tutto mentre il Kirghizistan si prepara al post-Atambayev

  • 22 marzo

    Cina: una “Muraglia di Ferro” nello Xinjiang contro la minaccia di ISIS

    In 3 sorsi – Il Presidente cinese Xi Jinping lancia l’idea di costruire una “Muraglia di Ferro” nella turbolenta regione dello Xinjiang, dove le infiltrazioni terroristiche minacciano la sicurezza nazionale

  • 21 marzo

    Cuba, disgelo tra debolezze interne ed incognite esterne

    In 3 sorsi – Nonostante le aperture di Obama, Cuba non sta traendo molto giovamento da questa timida fase di riforme. Una fase che, tra l’altro, il nuovo presidente USA potrebbe bloccare sul nascere

  • 16 marzo

    Se l’Europa riparte a più velocità

    In 3 sorsi – Lo scorso 6 marzo si è tenuto a Versailles un vertice che ha visto protagonisti il Presidente francese Hollande, il Primo ministro italiano Gentiloni, il Primo ministro spagnolo Rajoy e la cancelliera tedesca Merkel. Il vertice ha preceduto quello che si terrà a Roma il 25 marzo per il sessantesimo anniversario dalla firma degli accordi che diedero origine alla Comunità Economica Europea

  • 16 marzo

    Nuovo Accordo UE-Armenia: Yerevan sempre più vicina a Bruxelles

    In 3 sorsi – Si aprono nuovi orizzonti di cooperazione tra l’UE e l’Armenia, dopo la conclusione di un Accordo di Partenariato Completo e Rafforzato nei settori di energia, trasporti, ambiente e ricerca. Fondamentale anche la questione del Nagorno-Karabakh, sulla quale Donald Tusk ha ribadito l’impegno diplomatico di Bruxelles

  • 15 marzo

    Trump, Gorsuch e l’importanza della Corte Suprema

    In 3 sorsi – La nomina di Neil Gorsuch a nuovo giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti è stata la decisione più importante presa da Trump durante le prime settimane della sua presidenza. Ma chi è Gorsuch e perché la sua designazione potrebbe rivelarsi decisiva per il futuro della più grande democrazia del pianeta?

  • 14 marzo

    ONG internazionali in Cina: Quo Vadis?

    In 3 sorsi – A gennaio 2017 è entrata in vigore una nuova legge che regola la gestione delle organizzazioni non governative di origine straniera operanti nel territorio della Repubblica Popolare Cinese. Molte critiche sono state avanzate per i poteri attributi al Ministero di Pubblica Sicurezza, ora incaricato di supervisionare le ONG internazionali. A fine gennaio un primo gruppo di ONG di origine straniera si è registrato negli uffici preposti a Shanghai, Pechino e nel Guangdong

  • 10 marzo

    Il caso Alexander Lapshin e lo status giuridico del Nagorno-Karabakh

    In 3 sorsi – Il 14 dicembre 2016 il giornalista e blogger israeliano Alexander Lapshin è stato arrestato a Minsk, capitale della Bielorussia, per essere entrato ripetutamente in Nagorno-Karabakh a dispetto delle disposizioni normative del Governo azero. L’ingresso senza autorizzazione nei territori dell’Azerbaigian illegalmente occupati dalle truppe dell’Armenia rappresenta una violazione della legislazione in materia di attraversamento dei confini e pertanto costituisce reato

  • 7 marzo

    Putin, la CIA e i servizi segreti russi: arresti e misteri

    In 3 sorsi – A fine gennaio è trapelata la notizia secondo cui quattro persone ricoprenti cariche importanti all’interno dei servizi segreti russi sarebbero state arrestate con l’accusa di aver passato informazioni riservate alla CIA. Un episodio ancora poco chiaro, ma che ha generato parecchio scalpore sia a livello mediatico che politico, facendo sorgere numerose domande sulle reali cause e sulle possibili conseguenze di tali arresti eccellenti

  • 3 marzo

    I timori di Kiev: dall’era Obama a quella Trump

    In 3 sorsi – Con l’insediamento della nuova amministrazione di Donald Trump, il Presidente ucraino Petro Poroshenko teme di aver perso il suo principale sponsor esterno nello scontro politico-militare con la Russia, che ormai si regge principalmente sul mantenimento delle sanzioni economiche