utenti ip tracking
martedì 7 Aprile 2020
More

    L’influenza della Covid-19 sull’economia cinese

    I provedimenti per arginare il Covid-19 in Cina e in Europa sono drastici. Oltre ad aver cambiato le abitudini della popolazione, hanno sconvolto il mondo sanitario, economico e finanziario.

    Caffè 150

    Centocinquant’anni di politica estera Quali prospettive per una geopolitica italiana?

    La ricorrenza del 150° anniversario dell’Unità Nazionale rappresenta un’occasione per guardare alla storia recente del nostro Paese e, imparando a conoscerla, capire come eventi e dinamiche del passato abbiano determinato e potranno determinare l’identità internazionale italiana. In particolare, Il Caffè Geopolitico si propone di analizzare la storia delle relazioni internazionali dell’Italia, dal periodo pre-unitario ai giorni nostri, per raccontare l’evoluzione della geopolitica italiana.

    Il progetto si prefigge infatti l’obiettivo di rispondere ad un quesito che, partendo dal passato, guarda al futuro: come nasce e a cosa dovrebbe puntare la nostra politica estera?

    Studieremo i temi ed i periodi storici che hanno segnato l’evoluzione dell’Italia come Paese e come attore sulla scena internazionale, raccontandone alleanze, rapporti, personaggi di spicco. Come si è mosso il nostro Paese sullo scacchiere internazionale? Come gli altri Stati hanno guardato all’Italia durante questi 150 anni? Come la nostra storia, la nostra esperienza di Stato, hanno determinato la nostra posizione internazionale attuale?

    Il progetto si articolerà attraverso la produzione di articoli e saggi, strutturati in due fasi: la prima fase punterà ad approfondire il periodo a cavallo dell’Unità, per fare una sintesi delle principali dinamiche geopolitiche pre-unitarie. Questo servirà ad identificare i primi passi delle relazioni internazionali dell’Italia come Paese unito, evidenziando come sono cambiate le relazioni con l’estero passando da un contesto di frammentazione territoriale ed istituzionale (sintetizzando i principali legami dei singoli Regni italiani), a quello unitario. La seconda fase del progetto sarà invece dedicata allo studio delle tappe fondamentali nella creazione dei legami internazionali dell’Italia durante il Novecento. Questa fase avrà il duplice scopo di evidenziare, da una parte, quali siano e da dove nascano i legami internazionali “storici” del nostro Paese e, dall’altra, di tracciarne l’evoluzione per tappe fondamentali.

    Il risultato finale consisterà in una raccolta strutturata di articoli che consenta di conoscere le basi delle relazioni internazionali dell’Italia, spiegando per grandi linee perché oggi “siamo dove siamo”: alleanze, aree geografiche e settori di interesse e, soprattutto, prospettive auspicabili.

    Un Paese riNato

    Ci eravamo lasciati prima dell'estate con il “gigante” De Gasperi, e la promessa di dedicare all'ingresso dell'Italia nell'Alleanza Atlantica un capitolo a parte, dato...

    Al confronto, era un gigante

    Abbiamo fatto nostra, seppur qui tolta dal suo contesto d'origine, questa frase di Giovannino Guareschi su De Gasperi, che in questo speciale non poteva...

    Mattei, il sogno dell’autonomia energetica e le relazioni scomode

    Caffè150 - Il 27 ottobre 1962 nelle campagne di Bascapé nei pressi di Pavia moriva Enrico Mattei, Presidente dell’Ente Nazionale Idrocarburi (ENI), a seguito...

    L’Italia torna in Europa

    Caffè 150 - L’Europa è devastata dalla guerra appena conclusa e divisa da quella rivalità USA-URSS che diverrà la “cortina di ferro”. L’odio del...

    Il cambio di rotta: verso la Germania – parte II

    Parte II – Le mire espansionistiche italiane determinarono un graduale allontanamento del nostro paese da Francia e Regno Unito, con la inevitabile conseguenza di...

    Il cambio di rotta: verso la Germania

    L’analisi della proiezione internazionale dell'Italia tra le due guerre mondiali non può prescindere dalla particolare condizione politica interna costituita dall’inizio della dittatura fascista. Il...

    Il dopoguerra: la vittoria mutilata, la crisi, gli Stati Uniti

    All’indomani della fine della Grande Guerra nel 1918, l’Italia, uscitane con una vittoria cosiddetta “mutilata”, si trovò nuovamente a confrontarsi con un ruolo marginale,...

    Tripoli bel suol d’amore

    I perchè della guerra di Libia del 1911. Le difficoltà della Triplice Alleanza, la Francia che ci soffia la Tunisia da sotto il naso,...

    Luci ed ombre di uno statista

    Parlare di Giovanni Giolitti significa parlare di uno dei più importanti statisti della storia nazionale. Al di là delle critiche, spesso aspre, di cui...

    La grande proletaria si è mossa. Male

    L’espansionismo coloniale italiano abbraccia un periodo di quasi ottant’anni, dal 1869 al 1945, e coinvolge i territori africani di Eritrea, Somalia Italiana, Libia ed...

    Crispi: costruire lo Stato per dar forma alla Nazione

    Caffè 150 - Divenuto Presidente del Consiglio nel 1887, Francesco Crispi fu uno dei principali rappresentanti della Sinistra Storica e uno degli uomini chiave...