statistiche free
giovedì 20 Febbraio 2020
More

    Analisi

    Il formato Analisi è dedicato ai nostri approfondimenti più strutturati, dove non solo troverete le informazioni, ma anche scenari e ragionamenti più ampi sul tema trattato, nonché possibili previsioni sulle azioni dei Paesi o degli attori coinvolti

    Get Brexit done! E poi?

    Get Brexit done!”. E’ questo lo slogan lanciato da Boris Johnson all'indomani dell’annuncio di nuove elezioni nazionali. Il Primo Ministro britannico ha messo sul tavolo il nuovo Accordo di divorzio siglato in extremis con Bruxelles. Ora la palla torna ai cittadini come tre anni e mezzo fa. Il voto chiuderà definitivamente il capitolo Brexit o rimescolerà le carte prolungando l’agonia di un Paese fermo e disorientato che sogna di diventare la Singapore sul Tamigi?

    L’era dei robot in Europa: opportunità o minaccia?

    Analisi - Dagli ultimi dati Eurostat, un quarto delle aziende europee utilizza robot. Tra i Paesi dove l’impiego è massiccio troviamo la...

    Proteste in Azerbaijan: perché questa volta è diverso

    Analisi – In Azerbaijan, due manifestazioni di protesta a ottobre sono sfociate in violenti scontri con la polizia. L’accaduto tradisce la paura...

    Il passo avanti di Washington sul genocidio armeno

    Analisi - La Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato l’attesa risoluzione sul riconoscimento del genocidio armeno, chiedendo ufficialmente al Governo...

    Evo Morales vince, ma il Paese lo contesta

    Analisi - La vittoria al primo turno del presidente uscente boliviano è ormai un fatto noto, come lo sono le accuse di...

    Il futuro economico dell’Eurasia si costruisce in Armenia

    Analisi - L’Armenia ha ospitato il recente vertice dell’Unione economica eurasiatica. All’evento sono stati invitati anche Singapore e Iran. Mentre con la...

    Settant’anni di RPC: il risveglio del “mostro che dorme”

    Napoleone Bonaparte guardando un mappamondo disse: “La Cina, ecco un mostro che dorme, quando si risveglierà la faccia del mondo sarà cambiata”. Così sta accadendo settanta anni dopo la nascita della Repubblica Popolare Cinese.

    Attacco ai curdi: l’Europa può fare qualcosa contro Erdogan?

    Editoriale - Una serie di spunti dalla nostra redazione sull'attacco della Turchia ai curdi nel nord della Siria e sul ruolo dell'Unione...

    Europa e migrazioni: dal cerchio di fuoco al lungo periodo

    La crisi migratoria iniziata nel 2014 in Europa ha rivelato le miopie strategiche comunitarie e acuito problematiche profonde. La nuova Commissione, insieme ad attori internazionali, nazionali, locali e sociali, potrà elaborare un cambiamento sostanziale, basato su demografia, (geo)politica e fattori strutturali.

    La nuova guerra del Vietnam è per l’ambiente

    Iniziative politiche e cooperazione internazionale del Vietnam a favore del cambiamento climatico

    No-Deal Brexit: tutte le preoccupazioni del business giapponese

    Analisi - La possibilità che il Regno Unito lasci l’Unione Europea senza un accordo di separazione con Bruxelles è oggi più che...

    Si può davvero parlare di pace con le Farc?

    Analisi – A tre anni dallo storico accordo tra il Governo e le FARC, la Colombia è di fronte a una nuova...