statistiche free
6 Dicembre 2019, venerdì
More

    Russia e CIS

    Non è facile parlare della Russia e degli altri Paesi post-sovietici, soprattutto di questi tempi. L’area dell’ex URSS continua infatti a essere poco studiata e poco capita in Occidente, favorendo la diffusione di idee sbagliate e l’adozione di politiche di corto respiro.

    Il Desk “Russia e CIS” (Commonwealth of Independent States) del Caffè Geopolitico mira a correggere tali errori di interpretazione fornendo uno sguardo senza pregiudizi sulla complessa e tormentata realtà dei vari Stati nati dalla dissoluzione della superpotenza sovietica nei primi anni Novanta. A partire proprio dalla Russia di Vladimir Putin, tornata prepotentemente alla ribalta internazionale dopo la discussa annessione della Crimea nel 2014. Ma senza tralasciare la Moldavia, l’Ucraina, i Paesi del Caucaso e le repubbliche dell’Asia centrale, tutti ancora alla ricerca di un difficile equilibrio dopo la caotica indipendenza di venticinque anni fa. Con una certezza: positivo o negativo che sia, Mosca è comunque destinata a giocare un ruolo di primo piano nelle vicende del suo “vicinato” regionale ancora per parecchio tempo.

    A cura di Simone Pelizza

    Un ‘pasticcio’ in Eritrea per l’Italia?

    Il rapporto annuale del Gruppo di monitoraggio dell’ONU per Eritrea e Somalia, rivelato in anteprima da “Reuters”, accusa Asmara di mantenere contatti diretti con...

    Vladivostok, trampolino russo in Asia (II)

    Torniamo all'estremo orientale della Russia, e scendiamo nel dettaglio per capire quali fattori spingono Mosca ad investire in maniera così tempestiva su Vladivostok e...

    Vladivostok, trampolino russo in Asia (I)

    All’estremo orientale della Russia, capitale amministrativa della regione di Primorsky Krai, la città è oggetto di ambiziosi progetti di riqualificazione che la renderanno la...

    Gas: Russia e Azerbaijan alla conquista del mercato europeo

    La Russia non vuole perdere il suo ruolo centrale nella fornitura del gas in Europa. L’Unione Europea sta cercando delle vie alternative guardando ai...

    Il gattopardo in Qatar

    Dopo diciotto anni di regno, Hamad al-Thani, emiro del Qatar, ha annunciato che lascerà spazio al figlio Tamim, sebbene non sia ancora chiaro se...

    Putin e la proposta ‘non seria’ di Obama

    A Berlino, Barack Obama riapre il dibattito sugli arsenali nucleari, invitando la Russia ad accettare un’ulteriore riduzione del numero di testate nucleari e rendendo...

    G8, le tre “T” per lo sviluppo economico

    Trade, Taxation and Transparency: ovvero apertura commerciale, lotta all’evasione fiscale globale e più trasparenza nei Paesi in via di sviluppo. Sono le tre frecce...

    Fracking, minaccia per il dominio russo?

    La diffusione delle tecniche di estrazione non convenzionali sta facendo emergere tutti i limiti del modello economico russo. Dopo anni di dominio quasi monopolistico...

    Il controllo dell’Artico e il ruolo dei cambiamenti climatici

    La prospettiva di eventuali modifiche del paesaggio causate dal surriscaldamento della temperatura globale ha spinto gli Stati artici ad una rinnovata competizione per la...

    Fracking ed Est Europa: indipendenza energetica possibile?

    La rivoluzione dello shale gas americano ha suscitato notevoli appetiti e tentativi di emulazione in tutto il mondo, Europa compresa. Il fermento, in particolare...

    Mediterraneo, a volte (i Russi) ritornano

    Il Ministro della Difesa russo Sergei Shoigu e il Comandante in capo della marina militare russa Viktor Chirkov hanno confermato la volontà di schierare,...

    Primavera araba, un terremoto geopolitico (II)

    Seconda parte della nostra intervista ad Alberto Negri, giornalista del Sole 24 Ore, sulla Primavera araba. Allarghiamo lo sguardo su una serie di attori,...