statistiche free
giovedì 14 20 Novembre19
More
    Home Aree geografiche Russia e CIS

    Russia e CIS

    Non è facile parlare della Russia e degli altri Paesi post-sovietici, soprattutto di questi tempi. L’area dell’ex URSS continua infatti a essere poco studiata e poco capita in Occidente, favorendo la diffusione di idee sbagliate e l’adozione di politiche di corto respiro.

    Il Desk “Russia e CIS” (Commonwealth of Independent States) del Caffè Geopolitico mira a correggere tali errori di interpretazione fornendo uno sguardo senza pregiudizi sulla complessa e tormentata realtà dei vari Stati nati dalla dissoluzione della superpotenza sovietica nei primi anni Novanta. A partire proprio dalla Russia di Vladimir Putin, tornata prepotentemente alla ribalta internazionale dopo la discussa annessione della Crimea nel 2014. Ma senza tralasciare la Moldavia, l’Ucraina, i Paesi del Caucaso e le repubbliche dell’Asia centrale, tutti ancora alla ricerca di un difficile equilibrio dopo la caotica indipendenza di venticinque anni fa. Con una certezza: positivo o negativo che sia, Mosca è comunque destinata a giocare un ruolo di primo piano nelle vicende del suo “vicinato” regionale ancora per parecchio tempo.

    A cura di Simone Pelizza

    Pace in vista tra Russia e Ucraina?

    In 3 sorsi - Calcoli geopolitici e un nuovo Governo a Kiev pongono le premesse per una svolta nel conflitto in Ucraina...

    BRICS, limiti e possibilità del nuovo mondo

    In 3 sorsi - L’accesa competizione per l’egemonia del mercato mondiale è affare tra sistemi ampiamente collaudati e forze emergenti, nonché tra...

    Sebastopoli: il lungo assedio

    Almanacco del Caffè - 30 ottobre 1941: inizia l'assedio di Sebastopoli, condotto principalmente dall'Undicesima Armata tedesca del generale Erich von Manstein...

    Il futuro economico dell’Eurasia si costruisce in Armenia

    Analisi - L’Armenia ha ospitato il recente vertice dell’Unione economica eurasiatica. All’evento sono stati invitati anche Singapore e Iran. Mentre con la...

    Cambiare tutto per non cambiare niente: la Georgia ha un “nuovo”...

    In 3 sorsi - A inizio settembre, il premier Mamuka Bakhtadze ha rassegnato le dimissioni, ritenendo di aver adempiuto ai suoi doveri...

    Putin perde terreno a Mosca, ma la Russia resta ancora “unita”

    Analisi - Il risultato delle elezioni locali svoltesi lo scorso 8 settembre in tutta la Federazione implica due conclusioni. La prima è...

    Bielorussia e Stati Uniti: “amici” come prima?

    Ristretto – Dopo ben 11 anni di sostanziale congelamento delle relazioni diplomatiche bilaterali, Stati Uniti e Bielorussia sembrano intenzionate a formalizzare lo scambio degli Ambasciatori. Un importante segnale...

    Vicini ingombranti e riforme mancate: il Kazakistan dopo Nazarbayev

    In 3 sorsi - Nel cuore dell’Asia Centrale il Kazakistan dell’onnipresente ex Presidente Nursultan Nazarbayev è di fronte a un bivio tra...

    Consigli non richiesti: Russia e Asia Centrale

    Consigli non richiesti: i nostri suggerimenti al Governo "Conte bis" sulla politica estera italiana Lo...

    Bruxelles e Kiev più vicine, ma non troppo

    Analisi- L’Ucraina con Zelensky ha inaugurato un nuovo corso, su cui pesano le promesse europee e i conflitti con la Russia. I vertici dell’UE...

    Le spie del Cremlino: l’intelligence russa sotto Putin

    Analisi - I servizi segreti russi hanno una storia lunga e una struttura complessa. Nei prossimi anni potrebbero conoscere importanti cambiamenti volti...

    Le “zampe” globali dell’Orso russo

    Best of 2019 - Gli articoli da ricordare di questa prima parte dell'anno per il Desk Russia e Asia Centrale - Seconda...