histats
In evidenza

Asia

giugno, 2017

  • 23 giugno

    L’Indonesia e la minaccia dello Stato Islamico

    In 3 sorsi – Il 24 maggio scorso Giacarta è stata vittima dell’ennesimo attentato di matrice islamista, poi rivendicato dallo Stato Islamico. Nonostante una certa efficacia delle misure adottate per contenere il fenomeno jihadista, l’aumento dell’attività terroristica nel Sud-est asiatico continua a rappresentare una seria minaccia per l’Indonesia e impone alle autorità locali la massima cautela Advertisements

  • 21 giugno

    Marawi: l’inizio della fine?

    In 3 sorsi – Dopo quattro settimane di furiosi combattimenti, l’Esercito filippino controlla ormai circa il 90% di Marawi, la città occupata dai jihadisti del gruppo Maute a fine maggio. L’obiettivo dei militari è quello di concludere le operazioni nei prossimi giorni, che coincidono con la fine del Ramadan, in modo da mandare un messaggio conciliante alla locale popolazione musulmana e impedire il possibile afflusso di nuovi militanti in città

  • 21 giugno

    Hong Kong 2017: un bilancio del primo ventennio cinese

    Dopo oltre un secolo di dominazione inglese, Hong Kong è ritornata sotto la sovranità cinese a partire dal 1 luglio 1997. Alla neonata Regione amministrativa speciale è stata applicato il famoso modello “One Country, Two Systems”, ideato da Deng Xiaoping e considerato anche per la più spinosa questione taiwanese. A vent’anni dalla restituzione a Pechino molto è cambiato ad Hong Kong, sia in termini di diritti umani che sotto il profilo politico. E non sempre in meglio

  • 16 giugno

    Il Giappone e la crisi nucleare nordcoreana

    In 3 sorsi – La posizione del Giappone nei confronti della Corea del Nord sembra non cambiare nel tempo, nonostante gli scarsi risultati ottenuti. Sia il ricorso alla diplomazia che quello a un maggior impegno militare nella regione non riescono infatti a bloccare il programma nucleare nordcoreano, che continua a minacciare direttamente la sicurezza di Tokyo

  • 15 giugno

    Le vendite recenti di armamenti italiani al Pakistan

    In 3 Sorsi (MS) – Approfittiamo della nuova commessa di elicotteri AW139 per il Pakistan, per analizzare il rapporto politico ed economico tra Roma e Islamabad nel campo della Difesa. Particolare attenzione merita anche la visita della fregata Carabiniere in acque pakistane in chiave promozionale

  • 14 giugno

    Mar Caspio: una controversia in via di definizione

    In 3 sorsi – La risoluzione della controversia giuridica del Mar Caspio tra i diversi Stati rivieraschi permetterà una piena valorizzazione sia della cooperazione economica interregionale sia di quella internazionale, soprattutto nel settore energetico. Da questo punto di vista un accordo dei Paesi locali sull’area caspica promette di aprire nuovi e importanti corridoi energetici verso l’Europa

  • 9 giugno

    La sete dell’Asia centrale: l’acqua come fonte di vita e di guerra

    La regione centro-asiatica vive da anni sull’orlo di una guerra dell’acqua. Ad aggravare le conseguenze del riscaldamento globale intervengono la distribuzione diseguale delle risorse e l’inadeguatezza infrastrutturale per la produzione di energia. La promozione del dialogo regionale si conferma quindi strumento necessario e imprescindibile per lo sviluppo sostenibile e la prevenzione di conflitti futuri

  • 7 giugno

    Rohingya: il popolo di nessuno

    Le grandi ondate migratorie coinvolgono anche l’Oriente, che da anni assiste alla fuga di un popolo senza diritti, le cui vicende ricevono scarsa attenzione mediatica e politica. Sono i Rohingya, una comunità di etnia musulmana non riconosciuta e non accettata da nessuno Stato del Sud-est asiatico

  • 6 giugno

    Dietro le bombe senza un padrino

    Sono da poco passate le tre del pomeriggio al cimitero di Khair Khana a Kabul. Un migliaio di persone sono li a rendere l’ultimo omaggio alle vittime della manifestazione antigovernativa di venerdi dove le forze di sicurezza hanno sparato sulla folla. Tra questi c’è anche il cadavere di Salem Izdyar, figlio di un senatore della Repubblica e dunque sono presenti anche le alte cariche dello Stato: c’è il primo ministro Abdullah Abdullah e il ministro degli Esteri Salahuddin Rabbani.

  • 6 giugno

    Nippon Kaigi: ritorno al passato?

    Il Nippon Kaigi (letteralmente “la Conferenza del Giappone”) è un movimento politico-religioso di tipo nazionalista il cui esponente di maggiore rilievo è l’attuale Premier Shinzo Abe. Composto da circa 38mila membri, esso detiene una notevole influenza sul sistema istituzionale giapponese, supportando progetti nettamente conservatori come il revisionismo costituzionale, il ripristino dello shintoismo di Stato e il ritorno a una politica di potenza nella regione Asia-Pacifico