statistiche free

Africa Sub Sahariana

Siamo nel 2018. L’Africa punta i piedi per terra e chiede di essere riconosciuta come un interlocutore internazionale privilegiato. E ci sta progressivamente riuscendo. A dicembre 2017, nel corso dell’ultimo vertice UE-Africa di Abidjan (Costa d’Avorio) sono emersi alcuni dei temi “caldi”, destinati a modellare il futuro del continente nei prossimi anni: gestione dei flussi migratori – non solo esterni, ma anche interni – e operazioni di controterrorismo. Nonostante la crescente voglia di far sentire la propria voce, o meglio, le “proprie voci”, l’Africa deve, però, fare i conti con alcune emergenze, di carattere politico quanto ambientale. La minaccia più insistente è la crescente radicalizzazione di matrice jihadista, che trova la sua massima espressione in gruppi come Al-Shabaab e Boko Haram. E che ha manifestato tutta la sua violenza distruttiva durante lo scorso anno: la strage di Mogadiscio, nell’ottobre 2017, è stata definita da più parti come il più sanguinoso attacco nella storia dopo l’11 settembre. Un ulteriore elemento di destabilizzazione, negli ultimi mesi, è stato il progressivo crollo di alcuni capisaldi della politica africana. Tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, infatti, si sono concluse le parabole politiche di José Eduardo Dos Santos (Angola), Robert Mugabe (Zimbabwe) e Jacob Zuma (Sudafrica). Si avvicina la fine di un’epoca, quella degli eredi diretti del colonialismo, che non ha ancora conciso, però, con una presa di coscienza politica tale da riscrivere i destini dei diversi Paesi africani. Quali forme assumerà l’Africa del domani? È ancora difficile dirlo.

A cura di Caterina Pucci con il supporto di Beniamino Franceschini

Una crisi emblematica – 2

Ecco la seconda parte del nostro viaggio in Costa D'Avorio, uno dei Paesi potenzialmente più ricchi dell'Africa il cui sviluppo è stato frenato dalla...

Burkina Faso: una rivolta invisibile

Vanno avanti da settimane le manifestazioni che hanno portato la popolazione a criticare violentemente l'operato del governo del presidente Blaise Compaoré, al potere da...

Una crisi emblematica – I

Quanto accaduto nelle scorse settimane in Costa d'Avorio con l'arresto del presidente uscente Gbagbo (foto) non si può semplicemente catalogare alla voce “drammatico risvolto...

La speranza del Sudan

Il successo del referendum sudanese, che porterà alla secessione del Sud Sudan da Khartoum, è il primo tentativo di ridefinire un confine dell’epoca coloniale...

I tre giorni del destino

2, 9 e 16. Niente cabala né lotterie. Sono i tre giorni di aprile in cui la Nigeria doveva andare alle urne, e decidere...

Nè Unified, nè Protector

Libia - Dopo i successi durante Odyssey Dawn, ora l’operazione internazionale è passata sotto comando NATO col nome di Unified Protector. Quasi contemporaneamente i...

Corsa alle armi in Costa d’Avorio: una guerra silenziosa

Prendendo spunto da quanto avviene in Libia, il governo del presidente riconosciuto dalla comunità internazionale, Alassane Ouattara, ha chiesto alle Nazioni Unite di autorizzare...

Confusione nei cieli

A pochi giorni dall’inizio delle operazioni contro il regime di Gheddafi, la coalizione presenta già divergenze di opinioni su come procedere. Al di là...

Lo stato della democrazia in Africa – III

Terza e ultima puntata del nostro focus speciale. Dopo il contesto generale e il quadro storico, e dopo l'analisi ricorrente di alcune problematiche (alternanza,...

Vento caldo sulla Libia

Odyssey dawn, Ellamy, Harmattan, Mobile: tanti nomi per la stessa operazione. Dopo settimane di tentennamenti e delicati negoziati dietro le quinte, è stato necessario...

Lo stato della democrazia in Africa – II

Seconda puntata del nostro documento. Dopo aver esaminato il contesto generale e il quadro storico, entriamo nello specifico su alcune problematiche, che partono dalla...

La resurrezione del Colonnello

Nei giorni scorsi la controffensiva di Gheddafi contro l’est ribelle del paese è proseguita e le forze fedeli al Colonnello appaiono aver ripreso i...