statistiche free
7 Dicembre 2019, sabato
More

    Africa Sub Sahariana

    Siamo nel 2018. L’Africa punta i piedi per terra e chiede di essere riconosciuta come un interlocutore internazionale privilegiato. E ci sta progressivamente riuscendo. A dicembre 2017, nel corso dell’ultimo vertice UE-Africa di Abidjan (Costa d’Avorio) sono emersi alcuni dei temi “caldi”, destinati a modellare il futuro del continente nei prossimi anni: gestione dei flussi migratori – non solo esterni, ma anche interni – e operazioni di controterrorismo. Nonostante la crescente voglia di far sentire la propria voce, o meglio, le “proprie voci”, l’Africa deve, però, fare i conti con alcune emergenze, di carattere politico quanto ambientale. La minaccia più insistente è la crescente radicalizzazione di matrice jihadista, che trova la sua massima espressione in gruppi come Al-Shabaab e Boko Haram. E che ha manifestato tutta la sua violenza distruttiva durante lo scorso anno: la strage di Mogadiscio, nell’ottobre 2017, è stata definita da più parti come il più sanguinoso attacco nella storia dopo l’11 settembre. Un ulteriore elemento di destabilizzazione, negli ultimi mesi, è stato il progressivo crollo di alcuni capisaldi della politica africana. Tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, infatti, si sono concluse le parabole politiche di José Eduardo Dos Santos (Angola), Robert Mugabe (Zimbabwe) e Jacob Zuma (Sudafrica). Si avvicina la fine di un’epoca, quella degli eredi diretti del colonialismo, che non ha ancora conciso, però, con una presa di coscienza politica tale da riscrivere i destini dei diversi Paesi africani. Quali forme assumerà l’Africa del domani? È ancora difficile dirlo.

    A cura di Caterina Pucci con il supporto di Beniamino Franceschini

    Lezioni di Libia

    Con la morte di Gheddafi e la fine del suo regime ha termine anche l’operazione Unified Protector. Per gli alti comandi alleati è giunto...

    E l’Africa sorrIDE (2)

    Seconda parte del nostro articolo introduttivo sul panorama degli Investimenti Diretti Esteri nel continente nero. Grandi risorse naturali e manodopera a basso costo sono...

    E l’Africa sorrIDE (1)

    Iniziamo oggi un viaggio nel continente africano, per analizzare come la dinamica degli investimenti diretti esteri (IDE) in atto in questi ultimi anni può...

    Le virtù della moderazione

    Tra attese, incertezze, paure e speranze si sono svolte le elezioni politiche in Tunisia, le prime dopo la caduta del dittatore Ben Ali; a...

    I primi germogli della primavera araba

    All'indomani delle prime elezioni libere in Tunisia, il “Caffè” vi offre una testimonianza direttamente dalla capitale maghrebina. In attesa dei primi risultati ufficiali, che...

    Ghedda-fine

    La notizia della fine del Colonnello è rimbalzata tra le agenzie di stampa, così come le immagini: Gheddafi è morto, ucciso a Sirte, forse...

    In cerca di una rinascita

    Con l'assedio di Sirte, gli scontri a Bani Walid e le sorti del colonnello sempre più incerte, è arrivato il momento di capire chi...

    La siccità annunciata

    All’origine della siccità nel Corno d’Africa, scrive Andy Coghlan su “New Scientist”, c’è il fenomeno meteorologico della Nina. Gli esperti avevano lanciato l’allarme, ma...

    Nella testa del colonnello

    Perché Gheddafi non si arrende? La risposta a questa domanda sembra impossibile da trovare: braccato in tutto il paese, cacciato dal suo rifugio nella...

    Game over (?)

    Dopo più di 150 giorni di conflitto, i ribelli sono entrati a Tripoli e stanno gradualmente prendendo il controllo di zone sempre più ampie...

    Il regno ‘bianco’ dell’Africa

    La Guinea-Bissau, Paese costiero dell’Africa occidentale, è da tempo divenuto appetibile per i narcotrafficanti dell’America Latina. Un territorio non molto esteso, ma con circa...

    Quando il clima infierisce

    Dall’inizio del 2011 si è verificata una siccità dalle proporzioni enormi per il Corno d’Africa con un apice tra i mesi di Giugno e...