statistiche free

Africa Sub Sahariana

Siamo nel 2018. L’Africa punta i piedi per terra e chiede di essere riconosciuta come un interlocutore internazionale privilegiato. E ci sta progressivamente riuscendo. A dicembre 2017, nel corso dell’ultimo vertice UE-Africa di Abidjan (Costa d’Avorio) sono emersi alcuni dei temi “caldi”, destinati a modellare il futuro del continente nei prossimi anni: gestione dei flussi migratori – non solo esterni, ma anche interni – e operazioni di controterrorismo. Nonostante la crescente voglia di far sentire la propria voce, o meglio, le “proprie voci”, l’Africa deve, però, fare i conti con alcune emergenze, di carattere politico quanto ambientale. La minaccia più insistente è la crescente radicalizzazione di matrice jihadista, che trova la sua massima espressione in gruppi come Al-Shabaab e Boko Haram. E che ha manifestato tutta la sua violenza distruttiva durante lo scorso anno: la strage di Mogadiscio, nell’ottobre 2017, è stata definita da più parti come il più sanguinoso attacco nella storia dopo l’11 settembre. Un ulteriore elemento di destabilizzazione, negli ultimi mesi, è stato il progressivo crollo di alcuni capisaldi della politica africana. Tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, infatti, si sono concluse le parabole politiche di José Eduardo Dos Santos (Angola), Robert Mugabe (Zimbabwe) e Jacob Zuma (Sudafrica). Si avvicina la fine di un’epoca, quella degli eredi diretti del colonialismo, che non ha ancora conciso, però, con una presa di coscienza politica tale da riscrivere i destini dei diversi Paesi africani. Quali forme assumerà l’Africa del domani? È ancora difficile dirlo.

A cura di Caterina Pucci con il supporto di Beniamino Franceschini

Gli ultimi mesi in Somalia – Parte I

In 3 sorsi - Nuove criticità sono emerse nel rapporto tra il presidente Farmajo, quale vertice dell’Autorità centrale federale, e gli Stati membri, apertamente in...

Françafrique: l’ombra di Parigi sul continente nero

In 3 sorsi – La crisi migratoria ha messo in luce le spaccature interne ai Paesi europei. Ma ha anche contribuito ad accendere i...

Mali, stesso Presidente, soliti problemi

In 3 sorsi - In 9 milioni si sono recati alle urne il 12 agosto per il secondo turno delle elezioni presidenziali in Mali....

Xi Jinping in Senegal: la nuova tappa della Via della Seta

In 3 sorsi – L’ultima visita del presidente cinese Xi Jinping in Africa ha avviato le trattative per includere il Senegal nella Belt and...

La pesca illegale nelle acque africane

In 3 sorsi - L'illegal fishing o pesca non autorizzata è una piaga che affligge i Paesi dell'Africa, in particolare quella occidentale, che si vedono...

Best of Africa 2018: 7 notizie da ricordare

#Best of - I semestre 2018 - Africa sub-sahariana

Lo Zimbabwe sceglie un nuovo Presidente

Ristretto – Per la prima volta dal 1980 lo Zimbabwe ha votato senza la presenza di Robert Mugabe, destituito nel novembre 2017 da un...

Accordo di pace tra Etiopia e Eritrea, cosa succede adesso?

In 3 sorsi - Dopo anni di contrasti, Eritrea e Etiopia hanno raggiunto un importante accordo di pace i cui esiti potrebbero influenzare profondamente...

Elezioni in Mali: in attesa dei risultati

Ristretto - Ieri il Mali è andato al voto per eleggere il nuovo Presidente della Repubblica. I primi risultati dovrebbero arrivare entro domani, ma...

Zimbabwe: le prime elezioni senza Mugabe

In tre sorsi - Con queste elezioni politiche per lo Zimbabwe è in gioco il passaggio dalla transizione alla stabilità politica, il ripristino delle...

Affrontare davvero la questione migratoria

Mentre continua il dibattito pubblico sulla questione migrazioni, cosa serve per affrontarla davvero? Conoscere le dinamiche e fare proposte concrete. Anche in questo 2018 il...

Uganda: le donne dicono no alla violenza di genere

In 3 sorsi - In Uganda una donna su cinque ha subito violenze. Una difficile realtà che sta spingendo le donne a scendere in...