statistiche free
domenica 25 Agosto 2019
  • Home
More

    Africa Sub Sahariana

    Siamo nel 2018. L’Africa punta i piedi per terra e chiede di essere riconosciuta come un interlocutore internazionale privilegiato. E ci sta progressivamente riuscendo. A dicembre 2017, nel corso dell’ultimo vertice UE-Africa di Abidjan (Costa d’Avorio) sono emersi alcuni dei temi “caldi”, destinati a modellare il futuro del continente nei prossimi anni: gestione dei flussi migratori – non solo esterni, ma anche interni – e operazioni di controterrorismo. Nonostante la crescente voglia di far sentire la propria voce, o meglio, le “proprie voci”, l’Africa deve, però, fare i conti con alcune emergenze, di carattere politico quanto ambientale. La minaccia più insistente è la crescente radicalizzazione di matrice jihadista, che trova la sua massima espressione in gruppi come Al-Shabaab e Boko Haram. E che ha manifestato tutta la sua violenza distruttiva durante lo scorso anno: la strage di Mogadiscio, nell’ottobre 2017, è stata definita da più parti come il più sanguinoso attacco nella storia dopo l’11 settembre. Un ulteriore elemento di destabilizzazione, negli ultimi mesi, è stato il progressivo crollo di alcuni capisaldi della politica africana. Tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, infatti, si sono concluse le parabole politiche di José Eduardo Dos Santos (Angola), Robert Mugabe (Zimbabwe) e Jacob Zuma (Sudafrica). Si avvicina la fine di un’epoca, quella degli eredi diretti del colonialismo, che non ha ancora conciso, però, con una presa di coscienza politica tale da riscrivere i destini dei diversi Paesi africani. Quali forme assumerà l’Africa del domani? È ancora difficile dirlo.

    A cura di Caterina Pucci con il supporto di Beniamino Franceschini

    Al-Shabaab colpisce ancora Nairobi

    In 3 sorsi - Al Shabaab ricorre alla strategia del terrore, già praticata, per fare pressione sul Kenya e rivendicare il ruolo...

    Sudan: dichiarato lo stato d’emergenza, continuano le proteste

    In 3 sorsi - Il 22 febbraio il Presidente Omar al-Bashir ha proclamato lo stato di emergenza della durata di un anno....

    Turismo, la rotta africana: quali opportunità per l’Italia?

    In breve Per molte economie emergenti il turismo rappresenta un settore in forte crescita, destinato a creare, nel prossimo...

    Il mondo nel 2019 – Africa

    In breve Sono passate poche settimane dal suo inizio e già il 2019 si sta rivelando un anno carico...

    Le ultimissime dalla Somalia

    In 3 sorsi - Nuove problematiche di politica interna attanagliano il Governo Federale e il presidente Farmaajo, mentre sul fronte della sicurezza si registra...

    I dragoni della Silicon Savannah: gli investimenti cinesi nel tech africano

    Analisi - Le compagnie high-tech cinesi scommettono sull’Africa, in particolare sulla “Silicon Savannah” di Nairobi, per sviluppare strategie orientate a soddisfare i bisogni dei...

    Il ritorno della Russia in Africa

    Analisi - Benché non figuri come area prioritaria nelle linee guida della politica estera di Mosca, l’Africa è tornata – sulla scia del passato...

    Tubi senza petrolio: il problema energetico del Sudan

    Hotspot – Il Sudan è sempre stato un produttore ed esportatore di petrolio, ma la secessione del Sud Sudan lo ha reso “povero”. Le...

    Crisi in Sudan: i tweet da seguire

    Hotspot - Le proteste in corso in Sudan sono documentate da molti account su Twitter, vi segnaliamo quelli da seguire. Le proteste in Sudan sono...

    Dalla Russia con Amore: il Sudan di al-Bashir e il sostegno...

    Hotspot - Con la fine dell’embargo statunitense nei confronti del Sudan ci si sarebbe aspettati un riavvicinamento tra il Paese africano e Washington, me...

    Le rivolte in Sudan: i rischi per al-Bashir

    Hotspot - Le grandi manifestazioni dell’ultimo mese in Sudan stanno mettendo in seria difficoltà al-Bashir per la diversità rispetto al passato, a cominciare dal...

    Sudan: scheda Paese e situazione

    Hotspot - È uno dei più grandi Paesi africani, dilaniato da decenni di sanguinose guerre civili e dalle sempre crescenti proteste volte a mettere...