statistiche free
domenica 25 Agosto 2019
  • Home
More

    Africa Sub Sahariana

    Siamo nel 2018. L’Africa punta i piedi per terra e chiede di essere riconosciuta come un interlocutore internazionale privilegiato. E ci sta progressivamente riuscendo. A dicembre 2017, nel corso dell’ultimo vertice UE-Africa di Abidjan (Costa d’Avorio) sono emersi alcuni dei temi “caldi”, destinati a modellare il futuro del continente nei prossimi anni: gestione dei flussi migratori – non solo esterni, ma anche interni – e operazioni di controterrorismo. Nonostante la crescente voglia di far sentire la propria voce, o meglio, le “proprie voci”, l’Africa deve, però, fare i conti con alcune emergenze, di carattere politico quanto ambientale. La minaccia più insistente è la crescente radicalizzazione di matrice jihadista, che trova la sua massima espressione in gruppi come Al-Shabaab e Boko Haram. E che ha manifestato tutta la sua violenza distruttiva durante lo scorso anno: la strage di Mogadiscio, nell’ottobre 2017, è stata definita da più parti come il più sanguinoso attacco nella storia dopo l’11 settembre. Un ulteriore elemento di destabilizzazione, negli ultimi mesi, è stato il progressivo crollo di alcuni capisaldi della politica africana. Tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, infatti, si sono concluse le parabole politiche di José Eduardo Dos Santos (Angola), Robert Mugabe (Zimbabwe) e Jacob Zuma (Sudafrica). Si avvicina la fine di un’epoca, quella degli eredi diretti del colonialismo, che non ha ancora conciso, però, con una presa di coscienza politica tale da riscrivere i destini dei diversi Paesi africani. Quali forme assumerà l’Africa del domani? È ancora difficile dirlo.

    A cura di Caterina Pucci con il supporto di Beniamino Franceschini

    Elezioni in Sudafrica: c’è vita oltre l’ANC?

    In 3 sorsi - Mercoledì 8 maggio il Sudafrica andrà alle urne. A un anno dalle dimissioni di Jacob Zuma, l'immagine dell'ANC...

    Lo Stato Islamico colpisce in Congo e proclama la provincia centroafricana

    In 3 sorsi - Lo Stato islamico (IS) ha rivendicato, tramite l’agenzia Amaq News, il suo primo attacco ufficiale nella Repubblica Democratica...

    Zimbabwe: la rinascita dell’era post-Mugabe è rimandata

    In 3 sorsi - L’entusiasmo per la fine della tirannia trentennale di Mugabe si è spento alla luce delle vessazioni economiche e...

    Le sfide di Buhari e la Nigeria a due velocità

    Analisi – Buhari si riconferma Presidente della Nigeria, prima economia africana e Paese in profonda crisi. Le sfide che lo attendono sono...
    Campagna associativa 2019

    Scherziamo con le cose serie

    Campagna associativa 2019: non prendiamoci troppo sul serio... con le nostre "social cards"! Basta poco,...

    Il punto sul golpe in Sudan

    In 3 Sorsi - L’11 aprile, dopo quattro mesi di proteste, un golpe in Sudan ha destituito al-Bashir. Il potere è passato...

    Sudan, golpe militare contro al-Bashir

    Ristretto – La notizia dal Sudan è che oggi, 11 aprile, al-Bashir e i membri del suo Governo sarebbero stati arrestati dall’esercito...

    Continuano le proteste in Sudan, sarà la fine di al-Bashir?

    Ristretto - In questi giorni stiamo assistendo a quella che probabilmente è la più intensa ondata di proteste in Sudan a partire...

    Mediterraneo: un bilancio sulla questione migratoria

    In 3 sorsi – Dati e cifre ufficiali sui movimenti migratori che nel 2018 hanno interessato il Mediterraneo.

    Parliamo delle elezioni in Congo

    In 3 sorsi - Felix Tshisekedi è il nuovo Presidente della Repubblica Democratica del Congo. La sua elezione ha sollevato numerose perplessità...

    Accesso all’acqua: una “piaga” per tutti i Paesi africani

    In 3 sorsi - Breve viaggio nel mondo dei permessi per l’utilizzo delle risorse idriche nell’Africa sub-sahariana: un sistema che riflette ancora oggi leggi risalenti...

    Sudan: i tweet che raccontano la protesta

    Hotspot - In Sudan continuano le proteste della popolazione contro il presidente Al-Bashir, che al momento rimane al proprio posto. Il livello...