statistiche free
Home Aree geografiche Africa Sub Sahariana

Africa Sub Sahariana

Siamo nel 2018. L’Africa punta i piedi per terra e chiede di essere riconosciuta come un interlocutore internazionale privilegiato. E ci sta progressivamente riuscendo. A dicembre 2017, nel corso dell’ultimo vertice UE-Africa di Abidjan (Costa d’Avorio) sono emersi alcuni dei temi “caldi”, destinati a modellare il futuro del continente nei prossimi anni: gestione dei flussi migratori – non solo esterni, ma anche interni – e operazioni di controterrorismo. Nonostante la crescente voglia di far sentire la propria voce, o meglio, le “proprie voci”, l’Africa deve, però, fare i conti con alcune emergenze, di carattere politico quanto ambientale. La minaccia più insistente è la crescente radicalizzazione di matrice jihadista, che trova la sua massima espressione in gruppi come Al-Shabaab e Boko Haram. E che ha manifestato tutta la sua violenza distruttiva durante lo scorso anno: la strage di Mogadiscio, nell’ottobre 2017, è stata definita da più parti come il più sanguinoso attacco nella storia dopo l’11 settembre. Un ulteriore elemento di destabilizzazione, negli ultimi mesi, è stato il progressivo crollo di alcuni capisaldi della politica africana. Tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, infatti, si sono concluse le parabole politiche di José Eduardo Dos Santos (Angola), Robert Mugabe (Zimbabwe) e Jacob Zuma (Sudafrica). Si avvicina la fine di un’epoca, quella degli eredi diretti del colonialismo, che non ha ancora conciso, però, con una presa di coscienza politica tale da riscrivere i destini dei diversi Paesi africani. Quali forme assumerà l’Africa del domani? È ancora difficile dirlo.

A cura di Caterina Pucci con il supporto di Beniamino Franceschini

Zimbabwe in bilico tra l’epidemia di colera e il contestato esito...

In 3 sorsi - Mentre imperversa un grave epidemia di colera nella capitale Harare, la situazione politica in Zimbabwe resta incerta, con il periodo...

Gli ultimi mesi in Somalia – Parte II

In 3 sorsi - La linea politica del presidente Farmaajo continua tra un nuovo cambio all’interno dell’Esecutivo Federale e la soluzione dello stallo politico con...

Si avvicinano le elezioni presidenziali in Camerun

In 3 sorsi - Aumentano gli scontri in Camerun in vista delle elezioni presidenziali del 7 ottobre 2018. La partita per i nove candidati...

Gli ultimi mesi in Somalia – Parte I

In 3 sorsi - Nuove criticità sono emerse nel rapporto tra il presidente Farmajo, quale vertice dell’Autorità centrale federale, e gli Stati membri, apertamente in...

Françafrique: l’ombra di Parigi sul continente nero

In 3 sorsi – La crisi migratoria ha messo in luce le spaccature interne ai Paesi europei. Ma ha anche contribuito ad accendere i...

Mali, stesso Presidente, soliti problemi

In 3 sorsi - In 9 milioni si sono recati alle urne il 12 agosto per il secondo turno delle elezioni presidenziali in Mali....

Xi Jinping in Senegal: la nuova tappa della Via della Seta

In 3 sorsi – L’ultima visita del presidente cinese Xi Jinping in Africa ha avviato le trattative per includere il Senegal nella Belt and...

La pesca illegale nelle acque africane

In 3 sorsi - L'illegal fishing o pesca non autorizzata è una piaga che affligge i Paesi dell'Africa, in particolare quella occidentale, che si vedono...

Best of Africa 2018: 7 notizie da ricordare

#Best of - I semestre 2018 - Africa sub-sahariana

Lo Zimbabwe sceglie un nuovo Presidente

Ristretto – Per la prima volta dal 1980 lo Zimbabwe ha votato senza la presenza di Robert Mugabe, destituito nel novembre 2017 da un...

Accordo di pace tra Etiopia e Eritrea, cosa succede adesso?

In 3 sorsi - Dopo anni di contrasti, Eritrea e Etiopia hanno raggiunto un importante accordo di pace i cui esiti potrebbero influenzare profondamente...

Elezioni in Mali: in attesa dei risultati

Ristretto - Ieri il Mali è andato al voto per eleggere il nuovo Presidente della Repubblica. I primi risultati dovrebbero arrivare entro domani, ma...