statistiche free
Home Aree geografiche Africa Sub Sahariana

Africa Sub Sahariana

Siamo nel 2018. L’Africa punta i piedi per terra e chiede di essere riconosciuta come un interlocutore internazionale privilegiato. E ci sta progressivamente riuscendo. A dicembre 2017, nel corso dell’ultimo vertice UE-Africa di Abidjan (Costa d’Avorio) sono emersi alcuni dei temi “caldi”, destinati a modellare il futuro del continente nei prossimi anni: gestione dei flussi migratori – non solo esterni, ma anche interni – e operazioni di controterrorismo. Nonostante la crescente voglia di far sentire la propria voce, o meglio, le “proprie voci”, l’Africa deve, però, fare i conti con alcune emergenze, di carattere politico quanto ambientale. La minaccia più insistente è la crescente radicalizzazione di matrice jihadista, che trova la sua massima espressione in gruppi come Al-Shabaab e Boko Haram. E che ha manifestato tutta la sua violenza distruttiva durante lo scorso anno: la strage di Mogadiscio, nell’ottobre 2017, è stata definita da più parti come il più sanguinoso attacco nella storia dopo l’11 settembre. Un ulteriore elemento di destabilizzazione, negli ultimi mesi, è stato il progressivo crollo di alcuni capisaldi della politica africana. Tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, infatti, si sono concluse le parabole politiche di José Eduardo Dos Santos (Angola), Robert Mugabe (Zimbabwe) e Jacob Zuma (Sudafrica). Si avvicina la fine di un’epoca, quella degli eredi diretti del colonialismo, che non ha ancora conciso, però, con una presa di coscienza politica tale da riscrivere i destini dei diversi Paesi africani. Quali forme assumerà l’Africa del domani? È ancora difficile dirlo.

A cura di Caterina Pucci con il supporto di Beniamino Franceschini

Luglio di sangue in Somalia

In 3 sorsi - A luglio Al-Shabaab ha confermato la sua capacità operativa in Somalia portando a termine tre attacchi che sono...

2019, l’anno della svolta nelle politiche di salute globale?

ANALISI - Il 2019 sarà l’anno in cui inizieranno, o arriveranno a compimento, diversi processi con la potenzialità di cambiare profondamente le...

Sudafrica, l’ANC vince le elezioni, ma c’è davvero qualcosa da festeggiare?

In 3 sorsi - Nonostante il calo dei consensi nei confronti dell'ANC, il leader Cyril Ramaphosa è stato eletto per un secondo...

Etiopia: fallito il colpo di Stato, restano le tensioni etniche

In 3 Sorsi - Il tentativo fallito di colpo di Stato avvenuto nella regione federale dell’Amhara e la diffusione del nazionalismo etnico...

Nigeria: un anatema contro lo sfruttamento della prostituzione

In 3 sorsi – Nel 2018 l’Oba di Benin City, in Nigeria, ha pronunciato un anatema contro i rituali juju, utilizzati dai...

Corsi e ricorsi elettorali in Malawi

In 3 sorsi - Con le elezioni del 21 maggio il Malawi ha confermato per un secondo mandato il Presidente Peter Mutharika,...

Diritti LGBTQ+, a che punto sono i Paesi africani?

In 3 sorsi - L’Angola ha recentemente decriminalizzato l’omosessualità, compiendo un passo verso la tutela dei diritti LGBTQ+. Qual è la situazione...

La lotta armata tra etnie in Mali

In 3 sorsi - Le Autorità centrali di Bamako, oltre alla minaccia jihadista, non riescono a fronteggiare gli scontri armati tra i...

Parlare (male) di migrazioni?

Editoriale - Non è necessario spiegare perché il fenomeno delle migrazioni sia così importante per l’Italia e l’Europa. E’ necessario ricordare però...

Non ci siamo dimenticati della crisi in Sudan

In 3 sorsi - In Sudan la violenta repressione del 3 giugno ha fatto saltare gli accordi tra i manifestanti e i...

Le conseguenze del ciclone Idai sullo Zimbabwe

In 3 sorsi - Il passaggio del ciclone Idai sullo Zimbabwe ha aggravato la situazione di crisi economica e di insicurezza alimentare...

Italia-Etiopia, qualcosa sta cambiando

In 3 sorsi - I rapporti di cooperazione tra Italia ed Etiopia si consolidano a seguito dell’impegno assunto dal Governo italiano nella...