statistiche free
20 Novembre 2019, mercoledì
More
    Home Aree geografiche Africa Sub Sahariana

    Africa Sub Sahariana

    Siamo nel 2018. L’Africa punta i piedi per terra e chiede di essere riconosciuta come un interlocutore internazionale privilegiato. E ci sta progressivamente riuscendo. A dicembre 2017, nel corso dell’ultimo vertice UE-Africa di Abidjan (Costa d’Avorio) sono emersi alcuni dei temi “caldi”, destinati a modellare il futuro del continente nei prossimi anni: gestione dei flussi migratori – non solo esterni, ma anche interni – e operazioni di controterrorismo. Nonostante la crescente voglia di far sentire la propria voce, o meglio, le “proprie voci”, l’Africa deve, però, fare i conti con alcune emergenze, di carattere politico quanto ambientale. La minaccia più insistente è la crescente radicalizzazione di matrice jihadista, che trova la sua massima espressione in gruppi come Al-Shabaab e Boko Haram. E che ha manifestato tutta la sua violenza distruttiva durante lo scorso anno: la strage di Mogadiscio, nell’ottobre 2017, è stata definita da più parti come il più sanguinoso attacco nella storia dopo l’11 settembre. Un ulteriore elemento di destabilizzazione, negli ultimi mesi, è stato il progressivo crollo di alcuni capisaldi della politica africana. Tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, infatti, si sono concluse le parabole politiche di José Eduardo Dos Santos (Angola), Robert Mugabe (Zimbabwe) e Jacob Zuma (Sudafrica). Si avvicina la fine di un’epoca, quella degli eredi diretti del colonialismo, che non ha ancora conciso, però, con una presa di coscienza politica tale da riscrivere i destini dei diversi Paesi africani. Quali forme assumerà l’Africa del domani? È ancora difficile dirlo.

    A cura di Caterina Pucci con il supporto di Beniamino Franceschini

    Essere disabili in Camerun

    In 3 sorsi - In Camerun le persone affette da disabilità fisica o psichica si confrontano con i limiti della politica, ma...

    Mozambico: Frelimo vince le elezioni ma scoppiano le proteste

    In 3 sorsi - Filipe Nyusi, leader del Frente de Libertação de Moçambique (Frelimo) si riconferma Presidente, ma il Paese protesta a...

    BRICS, limiti e possibilità del nuovo mondo

    In 3 sorsi - L’accesa competizione per l’egemonia del mercato mondiale è affare tra sistemi ampiamente collaudati e forze emergenti, nonché tra...

    L’Africa e la nuova era digitale

    In 3 sorsi - I Paesi africani rincorrono la digitalizzazione tra ostacoli politico-sociali e nuovi hub tecnologici all'avanguardia.

    Nuovi attentati in Burkina Faso

    In 3 sorsi - Nuovi violenti attacchi di matrice jihadista scuotono la regione centro-settentrionale del Burkina Faso, provocando vittime tra civili e forze...

    L’Italia e gli Stati Uniti di nuovo nel mirino di Al-Shabaab

    In 3 sorsi - L’Italia e gli Stati Uniti respingono i nuovi assalti di Al-Shabaab, che però miete vittime, civili e non,...

    Abiy Ahmed, le origini del Nobel

    In 3 sorsi - L’11 ottobre il Primo ministro etiope Abiy Ahmed Ali ha vinto il Premio Nobel per la pace per...

    AfCFTA: l’accordo di libero scambio per rilanciare l’economia africana

    In 3 sorsi - L’Africa muove un passo importante verso l’integrazione della regione con l’AfCFTA: il trattato che darà vita a un...

    Riassuntone di fine estate sulla crisi in Sudan

    In 3 sorsi - Dopo mesi di violenti scontri, lo scorso 5 settembre il nuovo Primo Ministro sudanese Abdalla Hamdok ha nominato...

    Cose da ricordare sull’Africa

    Best of 2019 – Gli articoli da ricordare di questa prima parte dell’anno per il Desk Africa

    Consigli non richiesti: Africa sub-sahariana

    Consigli non richiesti: Africa - I nostri suggerimenti al Governo "Conte bis" sulla politica estera italiana

    Robert Mugabe è morto e lo Zimbabwe non ha niente da...

    Ristretto - Robert Mugabe, ex Presidente dello Zimbabwe, è morto a Singapore venerdì 6 settembre, all’età di 95 anni. Riflettere sulla sua...