histats
Home - Ornella Ordituro

Ornella Ordituro

Ornella Ordituro

Dottoranda di Ricerca in Diritto Comparato e processi di integrazione presso la Seconda Università degli Studi di Napoli, ho vissuto a Nantes, Ginevra, Yaoundé, Belo Horizonte, Roma, Washington D.C, Tel Aviv e Gerusalemme ma non ho ancora scoperto qual è la mia città… Estremamente appassionata di diplomazia e tutela dei diritti umani,  bevo almeno tre caffè al giorno. Mi annoiano i cliché e le chiacchiere inutili, salvo se tra le amiche di sempre. Ovviamente, desidero…la pace nel mondo!

dicembre, 2017

  • 13 dicembre

    La lotta al caporalato. Intervista ad Yvan Sagnet

    Yvan Sagnet, leader della lotta allo sfruttamento del lavoro nei campi cominciata a Nardò, in Puglia, nel 2011 racconta il percorso di presa di coscienza collettiva che ha portato a un primo risultato positivo: l’approvazione della legge anticaporalato

novembre, 2017

  • 13 novembre

    Nuove elezioni in Kenya ma la popolazione non trova pace

    In 3 sorsi – La rivalità tra Kenyatta e Odinga ha condizionato la politica keniota degli ultimi dieci anni: i due si erano già sfidati alle elezioni del 2008 e del 2013. Lo scorso agosto, un ricorso di Odinga alla Corte Suprema, per il sospetto di brogli, ha richiamato la popolazione al voto il 26 ottobre.  Ha vinto Kenyatta ma il rapporto tra i due protagonisti rimane molto teso, trascinando il Paese nel caos e scatenando violenze

  • 3 novembre

    Schiavitù moderna: lo sfruttamento tra povertà e nessuna prospettiva

    In 3 sorsi – Oltre 45,8 milioni di persone nel mondo sono ridotte a una forma di schiavitù “moderna”: lavori inumani e degradanti nei campi, in fabbrica ma sfruttamento domestico e matrimoni combinati tra minori e uomini adulti. Nel 2016, uno studio delle Nazioni Unite ha rivelato che il 71% di questi nuovi schiavi sono donne e ragazze. Il fenomeno non risparmia nemmeno l’Europa

settembre, 2017

  • 12 settembre

    Elezioni in Kenya: stop della Corte, si ritorna al voto

    A inizio agosto gli occhi del mondo erano puntati sull’esito delle elezioni generali in Kenya: 19 milioni di abitanti hanno scelto. Ma i veri protagonisti sono stati due: Uhuru Kenyatta e Raila Odinga. I risultati erano chiari, eppure il Paese ritornerà al voto per conferma della Corte Suprema. Tra l’euforia della opposizione, la paura più grande della popolazione resta la possibilità del dilagarsi delle violenze

giugno, 2017

  • 9 giugno

    Volti bianchi, fiori e avatar: storia delle candidate algerine

    Le donne in Algeria hanno ottenuto il diritto di voto nel 1962, anno del referendum per l’indipendenza dalla Francia. Tuttavia, da allora, non sono ancora pienamente attive nella vita politica del Paese. La loro partecipazione conserva l’antica tradizione della società: è necessario risolvere il conflitto tra il Governo, che preme affinché le donne partecipino, e il sistema culturale e familiare, che continua a limitarle

aprile, 2017

  • 10 aprile

    Che fine hanno fatto le ragazze rapite da Boko Haram?

    Dal 2009, il gruppo terroristico Boko Haram sta cercando di istituire un regime fondamentalista islamico nella regione del Lago Ciad. Il fenomeno è emerso a livello internazionale solo recentemente. Il terzo anniversario del rapimento di 279 ragazze nella scuola di Chibok dovrebbe dare nuovo slancio alle azioni del governo nigeriano e della comunità internazionale

gennaio, 2017

  • 16 gennaio

    Please mind the gap: discriminazioni di genere e pari opportunità per le donne africane

    Numerosi studi hanno ampiamente dimostrato che una maggiore partecipazione femminile migliori le condizioni economiche, sociali e culturali delle donne e dell’intera società africana. Porre fine alle discriminazioni di genere non è solo un’esigenza legata al rispetto dei diritti umani ma anche una necessità per il benessere delle generazioni future

novembre, 2016

  • 15 novembre

    Il patto di alleanza tra comunità africane di ebrei e Israele

    Nonostante la difficoltà di accertare il legame delle tribù africane con la religione ebraica, molti testi religiosi, interpretazioni rabbiniche e storie mitologiche confermano la presenza di ebrei in Africa subsahariana e giustificano il loro ritorno in Israele

giugno, 2016

  • 27 giugno

    La Guinea Bissau a quattro anni dal golpe

    Oggi assistiamo a un altro momento delicatissimo per la stabilità del Paese. La popolazione è stanca e non possono escludersi reazioni violente. Alla tensione politica si aggiungono traffici illeciti di droga dal Sud America e un’estrema povertà che trascinano il Paese al 178° posto (su 187) nella classifica dell’indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite

  • 1 giugno

    «Nessuna violenza nel nome di Dio»: il caso Centrafrica

    La guerra civile in Centrafrica appare come uno scontro interreligioso, ma non inizia così: dalle lotte tra milizie (Seleka e anti-Balaka) si è passati ai massacri tra la maggioranza cristiana e la minoranza musulmana del Paese. Oggi, nonostante la crisi stia tramontando, le tracce del conflitto sono ancora visibili