Home - Emiliano Battisti

Emiliano Battisti

Emiliano Battisti

Sono nato a Roma nel 1986 e ho conseguito la laurea triennale in Scienze Politiche e quella specialistica in Relazioni Internazionali presso la LUISS Guido Carli. Dopo due esperienze in Ambasciate come stagista (presso quella italiana a Washington e presso quella statunitense a Roma) ho collaborato con l’Istituto Affari Internazionali a Roma e con il Centro Militare di Studi Strategici. Ho un Master in Istituzioni e Politiche Spaziali e uno in Giornalismo e Giornalismo Radiotelevisivo. Scrivo per Il Caffè Geopolitico dal settembre 2013 iniziando con Miscela Strategica dove mi sono occupato (e mi occupo) di spazio, difesa antimissile e velivoli militari. Inoltre, analizzo i teatri di crisi internazionale, con focus particolare sulla Libia.
Attualmente sono responsabile dell’Ufficio Stampa e del coordinamento dei Social Media oltre ad aver creato il desk spaziale AstroCaffè 

marzo, 2018

febbraio, 2018

  • 24 febbraio

    Un Caffè americano con Francesco Costa

    Abbiamo avuto l’oppurtunità di intervistare Francesco Costa, Vicedirettore de Il Post e autore della newsletter “Da Costa a Costa”, su alcune questioni riguardanti Trump (ovviamente) e la politica statunitense

  • 21 febbraio

    2018: anno del ri-lancio per Elon Musk?

    GDM2018 – Dopo un 2017 altalenante, Elon Musk proverà a rilanciare il suo futuro nell spazio. Diversi appuntamenti e sfide attendono infatti la SpaceX e non sono più rinviabili. È un jack nel mazzo di carte targato Il Caffè Geopolitico

  • 13 febbraio

    Space bluff: la richiesta di budget della NASA per il FY2019

    Ristretto/AstroCaffè – La NASA ha pubblicato la righiesta di budget per il FY2019. Chi si aspettava la partenza della nuova politica per l’esplorazione spaziale annunciata dall’Amministrazione Trump è rimasto deluso

  • 7 febbraio

    Domande e risposte sul Falcon Heavy

    5 domande e 5 risposte/AstroCaffè  – Ieri la Space X ha effettuato il volo inaugurale del vettore pesante Falcon Heavy con a bordo la Tesla Roadster del CEO Elon Musk come carico di prova