"ELEICOES 2013 NA VENEZUELA" by "ELEICOES 2013 NA VENEZUELA" is licensed under "ELEICOES 2013 NA VENEZUELA"
Puoi leggerlo in 1 min.

RistrettoIeri alle 15, ora italiana, Nicolas Maduro si è insediato per la seconda volta come Presidente della repubblica bolivariana, in virtù della vittoria nelle elezioni dello scorso maggio.

Il mandato, della durata di 6 anni, è iniziato tra le polemiche ed un vasto spiegamento di forze; milizie bolivariane (le Fanb) hanno stabilito il controllo su alcune aree sensibili della città di Caracas, soprattutto in Plaza Venezuela e lungo la centrale Avenida Urdaneta. Ci sono due elementi che la dicono lunga sul clima che si respira e sull’isolamento politico e diplomatico di Maduro. Innanzitutto, non ha giurato (come prevede la Costituzione) davanti all’Assemblea Nazionale, ma innanzi alla Corte Suprema, in cui annovera parecchi sostenitori. E soprattutto ha dovuto subire il boicottaggio del “gruppo di Lima”, organizzazione di cui fanno parte i maggiori paesi continentali, in quanto non riconosce la legittimità di questo secondo mandato. Come se non bastasse, ieri il Paraguay ha rotto le relazioni diplomatiche e il giorno prima Lenìn Moreno ha richiamato il proprio ambasciatore. Insomma, il mandato è iniziato ma non sappiamo come andrà.

Andrea Martire

ELEICOES 2013 NA VENEZUELA” by “ELEICOES 2013 NA VENEZUELA” is licensed under “ELEICOES 2013 NA VENEZUELA

Print Friendly, PDF & Email
Andrea Martire

Appassionato di America Latina, background in scienze politiche ed economia. Studio le connessioni tra politica e sociale. Per lavoro mi occupo di politiche agrarie e accesso al cibo, di acqua e diritti, di made in Italy e relazioni sindacali. Ho trovato riparo presso Il Caffè Geopolitico, luogo virtuoso che non si accontenta di esistere; vuole eccellere. Ho accettato la sfida e le dedico tutta l’energia che posso, coordinando un gruppo di lavoro che vuole aiutare ad emergere la “cultura degli esteri”. Da cui non possiamo escludere il macro-tema Ambiente, inteso come espressione del godimento dei diritti del singolo e driver delle politiche internazionali, basti pensare all’accesso al cibo o al water-grabbing.

1 commento

Comments are closed.