Puoi leggerlo in 1 min.

La rassegna del Caffè – La rassegna giornaliera con i consigli della nostra redazione

Buon giovedì! Ecco qui la nostra rassegna stampa quotidiana con i migliori pezzi segnalati dai nostri coordinatori.

AMERICA LATINA

Alla fine Maduro, forse anche per la preannunciata assenza di Trump, alla cumbre interamiricana non ci andrà (anche perché non era invitato), risolvendo un problema per tutti. Ce ne parla El Espectador .

NORD AMERICA

Lo speaker della Camera Paul Ryan ha deciso di non ricandidarsi alle mid term. Duro colpo per i repubblicani. Ne parla il New York Times.

EUROPA

Il North Stream torna a essere argomento di discussione in Germania. Russia e Ucraina osservano interessate. Da Foreign Policy.

RUSSIA E CIS

Il Valdai Club analizza i possibili scenari del confronto Russia-Occidente dopo il caso Skripal e il recente attacco chimico in Siria. 

AFRICA

Con la risoluzione 128, il Congresso degli Stati Uniti ha condannato il governo etiope per le gravi violazioni dei diritti umani e l’uccisione degli oppositori politici degli ultimi anni. Da Africa news.

ASIA

La possibile costruzione di una base militare cinese a Vanuatu ha destato preoccupazione sia in Australia che in Nuova Zelanda. Pechino però smentisce e parla di “fake news”. Da ABC News.

AMBIENTE

Un preciso indicatore ambientale, le farfalle, se la passano piuttosto male nel Regno Unito. Uno studio rivela che il 2017 è stato il settimo peggiore anno di sempre per tutti ma soprattutto per due specie a rischio estinzione il peggiore in assoluto. The Guardian lancia l’allarme.

A cura di Alberto Assouad

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]Un chicco in più

Le altre rassegne del Caffè

[/box]

Foto di copertina di newsonline Licenza: Attribution License

Print Friendly, PDF & Email
Redazione

Il Caffè Geopolitico è un’Associazione Culturale, le cui attività si sviluppano prevalentemente attraverso questa Rivista online, che raccoglie i contributi di quanti amano studiare, analizzare e comunicare i fatti delle relazioni internazionali e i temi della geopolitica ad essi connessi.
La Rivista è interamente sviluppata in rete, grazie al contributo e al supporto di soci e simpatizzanti in Italia e nel mondo, la maggioranza dei quali è composta da giovani professionisti e studenti universitari.
Infatti, i nostri soci e i nostri autori si scambiano informazioni e lavorano attraverso la rete internet, creando un network di connessioni molto diffuso e capace di stimolare la ricerca e lo scambio di conoscenze su una grande molteplicità di temi e aree geografiche.