Puoi leggerlo in 1 min.

La rassegna del Caffè – La rassegna giornaliera con i consigli della nostra redazione

Buon venerdì! Ecco qui la nostra rassegna stampa quotidiana con i migliori pezzi segnalati dai nostri coordinatori.

AMERICA LATINA

Con 111 omicidi ogni 100.000 abitanti, Caracas è la seconda città più violenta al mondo, ed il quartiere Libertador il peggiore della città. Lo dice El Universal.

RUSSIA E CIS

Un’interessante intervista di Radio Free Europe/Radio Liberty a tre comandanti della famigerata compagnia militare privata russa Vagner. Gli intervistati parlano principalmente delle attività della compagnia in Siria e nell’Ucraina orientale. 

AFRICA

Il Parlamento sudafricano ha appoggiato una mozione che accelera il trasferimento delle proprietà terriere dai bianchi ai neri. Da Reuters.

EUROPA

Quale potrebbe essere un metro di giudizio per tirare le somme sul futuro governo Merkel? The Economist non ha dubbi: la riforma dell’Eurozona.

ASIA

Il miliardario thailandese Thanathorn Juangroongruangkit ha fondato un nuovo partito politico. L’obiettivo è partecipare alle prossime elezioni nazionali e catturare le simpatie dell’elettorato più giovane, scontento dell’attuale regime militare di Chan-o-cha. Da Channel News Asia. 

AMBIENTE

In Cile si discute del progetto di sviluppo ambientale e minerario della zona di Dominga. Il dibattito tra favorevoli e contrari è finito in tribunale e si attende la sentenza per capre se l’operazione andrà avanti oppure no. L’articolo di La Tercera.

A cura di Alberto Assouad

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]Un chicco in più

Le altre rassegne del Caffè

[/box]

Foto di copertina di hzdedalus Licenza: Attribution-ShareAlike License

Print Friendly, PDF & Email
Redazione

Il Caffè Geopolitico è un’Associazione Culturale, le cui attività si sviluppano prevalentemente attraverso questa Rivista online, che raccoglie i contributi di quanti amano studiare, analizzare e comunicare i fatti delle relazioni internazionali e i temi della geopolitica ad essi connessi.
La Rivista è interamente sviluppata in rete, grazie al contributo e al supporto di soci e simpatizzanti in Italia e nel mondo, la maggioranza dei quali è composta da giovani professionisti e studenti universitari.
Infatti, i nostri soci e i nostri autori si scambiano informazioni e lavorano attraverso la rete internet, creando un network di connessioni molto diffuso e capace di stimolare la ricerca e lo scambio di conoscenze su una grande molteplicità di temi e aree geografiche.