Puoi leggerlo in 1 min.

La rassegna del Caffè – La rassegna giornaliera con i consigli della nostra redazione

Buon mercoledì! Ecco qui la nostra rassegna stampa quotidiana con i migliori pezzi segnalati dai nostri coordinatori.

AFRICA

La promessa fatta da Macron di restituire all’Africa il patrimonio culturale depredato in epoca coloniale sembra assumere contorni concreti. Secondo il NYT, la Francia avrebbe pronto un piano per il ‘rimpatrio’ dei beni culturali e archeologici ai rispettivi Paesi d’origine.

NORD AMERICA

Trump è serio sui dazi. Qual è la ragione di tale postura? Lo spiega Russell Mead sul Wall Street Journal.

EUROPA

Foreign Policy ci spiega l’intricata “questione del nome” al centro della disputa tra Macedonia e Grecia.

RUSSIA E CIS

Nei prossimi cinque anni il Kazakistan spendera’ oltre 800 milioni di dollari per contrastare la propaganda dei gruppi islamici radicali. Non e’ pero’ ben chiaro come il Governo di Astana utilizzera’ tale denaro e come misurera’ il successo delle proprie iniziative anti-radicalizzazione. Da EurasiaNet.org

ASIA

Nonostante un buon quadro macroeconomico, Singapore progetta di alzare significativamente le tasse nei prossimi anni. Una scelta dettata da cambiamenti demografici e preoccupazioni relative alla sostenibilita’ del sistema sociale del Paese asiatico. Da Asia Times.

AMBIENTE

Per Mauricio Macri, attuale presidente del G20, il climate change non è la problematica principale in termini ambientali, bensì la crescita sostenibile. Ce ne parla Project Syndicate.

AMERICA LATINA

Si mette male per PPK, il Presidente del Perù. A quanto pare l’opposizione parlamentare starebbe organizzando una mozione di sfiducia contro di lui, accusato di riciclaggio e tangenti nell’ambito della madre di tutte le inchieste, la Lava – Jato. L’articolo de La Republica.

A cura di Emiliano Battisti

Un chicco in più

Le altre rassegne del Caffè

Foto di copertina di Jorge Lascar Licenza: Attribution License

Redazione

Il Caffè Geopolitico è un’Associazione Culturale, le cui attività si sviluppano prevalentemente attraverso questa Rivista online, che raccoglie i contributi di quanti amano studiare, analizzare e comunicare i fatti delle relazioni internazionali e i temi della geopolitica ad essi connessi.
La Rivista è interamente sviluppata in rete, grazie al contributo e al supporto di soci e simpatizzanti in Italia e nel mondo, la maggioranza dei quali è composta da giovani professionisti e studenti universitari.
Infatti, i nostri soci e i nostri autori si scambiano informazioni e lavorano attraverso la rete internet, creando un network di connessioni molto diffuso e capace di stimolare la ricerca e lo scambio di conoscenze su una grande molteplicità di temi e aree geografiche.