Puoi leggerlo in 1 min.

La rassegna del Caffè – La rassegna giornaliera con i consigli della nostra redazione

Buon lunedì! Ecco qui la nostra rassegna stampa quotidiana con i migliori pezzi segnalati dai nostri coordinatori.

RUSSIA E CIS

La campagna di Trump contro le “fake news” sta avendo pesanti conseguenze in Azerbaijan, dove il regime della famiglia Aliyev la usa per mettere a tacere i giornalisti indipendenti. Da The Wilson Quarterly.

ASIA

Ormai buona parte del traffico commerciale afghano non passa più dal Pakistan, ma attraverso il porto iraniano di Chabahar. Una svolta che promette di cambiare profondamente gli equilibri politici e economici dell’Asia meridionale. Da EurAsian Times.

MEDIO ORIENTE

Notizie indicative dal Medio Oriente. L’Arabia Saudita, per la prima volta in circa 70 anni, cambia la sua posizione in merito a voli da e per Israele. Cosa comporta tutto ciò? Dal Jerusalem Post. 

AFRICA

Come risolvere la crisi in Etiopia? Al Jazeera intravede due opzioni: ‘deetnicizzare’ la competizione politica e decentralizzare a favore delle regioni.

EUROPA

Bloomberg ci propone un’opinione controcorrente, ma intrigante: le istituzioni europee non hanno interesse ad accrescere i poteri del Parlamento Europeo e avvicinarlo ai cittadini.

AMERICA LATINA

La venduta delle tetre pubbliche si sta rivelando una spina nel fianco per Macri. Pagina 12 elenca tutti i potenti amici del presidente che hanno ottenuto benefici dalla manovra. 

AMBIENTE

El Tiempo ricorda il triste primato del 2017 anno in cui ben 197 ambientalisti sono stati uccisi. Brasile, Messico e Filippine i paesi più insanguinati.

NORD AMERICA

L’amministrazione Trump è pronta a tagliare i fondi a diversi programmi interni. Da Politico 

A cura di Alberto Assouad

Un chicco in più

Le altre rassegne del Caffè

Foto di copertina di mikemacmarketing Licenza: Attribution License

Redazione

Il Caffè Geopolitico è un’Associazione Culturale, le cui attività si sviluppano prevalentemente attraverso questa Rivista online, che raccoglie i contributi di quanti amano studiare, analizzare e comunicare i fatti delle relazioni internazionali e i temi della geopolitica ad essi connessi.
La Rivista è interamente sviluppata in rete, grazie al contributo e al supporto di soci e simpatizzanti in Italia e nel mondo, la maggioranza dei quali è composta da giovani professionisti e studenti universitari.
Infatti, i nostri soci e i nostri autori si scambiano informazioni e lavorano attraverso la rete internet, creando un network di connessioni molto diffuso e capace di stimolare la ricerca e lo scambio di conoscenze su una grande molteplicità di temi e aree geografiche.