Puoi leggerlo in 1 min.
RistrettoDonald Trump ha fatto il suo primo discorso sullo Stato dell’Unione del mandato. Come era prevedibile, il tono è stato presidenziale, attenendosi al testo, o alle linee guida preparategli, senza divagare come spesso gli succede quando va a braccio

Il discorso sì è concentrato prevalentemente nella politica interna dando seguito a quel motto “America First” presente sin dalla sua campagna elettorale. La politica estera e il ruolo degli USA nel mondo non sono stati punti cardine del discorso. Tra i dossier presenti, la Corea del Nord, le armi nucleari e il mantenimento della prigione di Guantanamo.
Il Presidente ha accennato alla sua intenzione di cercare accordi bipartisan con i democratici, una mossa spinta dal fattore elezioni di midterm che al momento prevedono una sconfitta dei repubblicani alla Camera. Trump sa bene quanto è stato difficile far passare i suoi due maggiori successi (riforma fiscale e nomina di Gorsuch alla Corte Suprema) con un Congresso a favore. Figurarsi con un ramo del Parlamento contro. Altro aspetto del discorso è stato l’elencare i risultati ottenuti dalla sua amministrazione in questo primo anno, spesso però esagerandoli (“the biggest tax reform ever” – non è vero, secondo il Dipartimento del Tesoro, quella di Reagan del 1981 è stata maggiore ad esempio). Tra le poche azioni programmatiche presenti nel discorso, c’è stato il nuovo piano infrastrutturale. Una curiosità: Trump ha evitato accuratamente di parlare di Russia. La parola è stata citata una volta soltanto.
 
Emiliano Battisti

Foto di copertina di ArturoYee Licenza: Attribution License

Emiliano Battisti

Sono nato a Roma nel 1986 e ho conseguito la laurea triennale in Scienze Politiche e quella specialistica in Relazioni Internazionali presso la LUISS Guido Carli. Dopo due esperienze in Ambasciate come stagista (presso quella italiana a Washington e presso quella statunitense a Roma) ho collaborato con l’Istituto Affari Internazionali a Roma e con il Centro Militare di Studi Strategici. Ho un Master in Istituzioni e Politiche Spaziali e uno in Giornalismo e Giornalismo Radiotelevisivo. Scrivo per Il Caffè Geopolitico dal settembre 2013 iniziando con Miscela Strategica dove mi sono occupato (e mi occupo) di spazio, difesa antimissile e velivoli militari. Inoltre, analizzo i teatri di crisi internazionale. Attualmente sono responsabile dell’Ufficio Stampa, del coordinamento dei Social Media e del desk Nord America oltre ad aver creato il desk spaziale AstroCaffè.