Puoi leggerlo in 1 min.

La rassegna del Caffè – La rassegna giornaliera con i consigli della nostra redazione

Buon venerdì a tutti! Eccovi la raccolta giornaliera dei consigli dalla nostra redazione.

EUROPA

Il Financial Times ci illustra il delicato quadro giuridico e politico che il Regno Unito deve risolvere a causa di Brexit.

NORD AMERICA

L’amministrazione Trump ha autorizzato la vendita di armi letali “difensive” all’Ucraina, una mossa a lungo supportata da numerosi elementi politici e non. Che impatto avrà sulla relazione russo-statunitense? E sul conflitto in Ucraina? Dal Washington Post.

ASIA

Il populismo sta prendendo piede anche in Asia e potrebbe avere conseguenze gravissime per la stabilità della regione. Da World Politics Review.

RUSSIA E CIS

A un anno dall’elezione di Trump un gruppo di studiosi internazionali si è ritrovato alla New York University per discutere dello stato attuale dei rapporti tra Russia e USA. Ne sono venute fuori riflessioni interessanti sui principali temi che dividono Washington e Mosca. Un riassunto della discussione dal sito del NYU Jordan Center.

AMERICA LATINA

El Clarin descrive il clima di risentimento popolare e di tensione che c’è in Argentina a causa del pacchetto di riforme, tra cui quella tributaria, del ministro Dujovne, fortemente voluta dal presidente Macri.

AFRICA

Con gli eserciti non si scherza. Ce lo ricorda African Arguments, che traccia un quadro delle lezioni morali più importanti che l’Africa può trarre da questo movimentato 2017: prima su tutte, scegli con cura i tuoi alleati. E ci guida verso il 2018 con qualche consapevolezza in più.

AMBIENTE

Il Guardian, analizzando il report del WWF, illustra i pericoli per le zanne di diversi animali a causa dell’inazione del Giappone nel prevenire e contrastare il traffico illegale dell’avorio.

A cura di Alberto Assouad

Un chicco in più

Le altre rassegne del Caffè

Alberto Assouad

Nato a Roma nel 1993 ma vivo a Milano da sempre. Mio padre è un romano acquisito ma nato a Aleppo. Sarà a causa di questa eredità siriana che oggi mi interesso particolarmente di studi mediorientali e terrorismo. Ho una personalità particolarmente ossessiva che nel tempo mi ha portato ad approfondire e dedicarmi a materie e attività estremamente diverse tra loro. Sono laureato in Architettura al Politecnico di Milano ma in questo momento sto concludendo un master in Relazioni Internazionali e tra poco incomincerò la magistrale di Politiche Europee ed Internazionali presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore. Ho un oscuro passato da cinefilo accanito, particolarmente attento al cinema etnografico e documentaristico, mentre una delle mie più grandi passioni attuali è la fotografia, meglio se analogica. Sono anche un giocoliere! Il filo rosso che in qualche modo collega da sempre tutti i miei interessi è il viaggio: a fatica riesco a rimanere fermo a Milano per più di un mese di fila. Non è difficile capire perché Hemingway sia il mio scrittore preferito.