histats
Home - Aree geografiche - Giappone: due “maverick” nel nuovo Governo Abe

Giappone: due “maverick” nel nuovo Governo Abe

In Giappone il Premier Shinzo Abe ha effettuato un vasto rimpasto di Governo. Si tratta di una scelta dettata dai numerosi scandali che hanno sconvolto l’esecutivo nipponico nei mesi scorsi e dalla crescente impopolarità dello stesso Abe. Sono soprattutto due le novità nella nuova compagine ministeriale presentata ieri a Tokyo: la nomina di Taro Kono a Ministro degli Esteri e quella di Seiko Noda come Ministro degli Interni

Figlio di uno dei leader storici del Partito LiberalDemocratico (LDP), Kono è una personalità energica e senza peli sulla lingua, che ha spesso criticato in passato la leadership dell’attuale Primo Ministro. In politica estera è meno “falco” di Abe o del suo predecessore Kishida verso i vicini regionali di Tokyo, cosa che spiega il coro di commenti positivi con cui la stampa sudcoreana ha accolto la sua nomina. Va detto però che il neo-Ministro ha già annunciato la sua intenzione di non rinegoziare il controverso accordo con Seul sulle “donne di conforto” del 2015. L’argomento sarà probabilmente al centro dei suoi colloqui con la collega sudcoreana Kang Kyung-wha al prossimo ASEAN Regional Forum di Manila.

Il nuovo Ministro degli Interni Seiko Noda è invece una delle poche figure femminili di spicco dell’LDP dopo la caduta in disgrazia dell’ex Ministro della Difesa Tomomi Inada. Come Kono, anche Noda ha criticato duramente Abe per la sua gestione dell’esecutivo e sembra intenzionata a sfidare il Premier nelle elezioni per la leadership dell’LDP nel settembre 2018. Inoltre è da sempre in prima linea sulla questione della parità di genere, scandalizzando l’establishment patriarcale e tradizionalista nipponico.

Molti osservatori vedono nella scelta di Kono e Noda un tentativo da parte di Abe di addomesticare l’opposizione interna all’LDP e di ringiovanire la propria immagine di leader nazionale. Resta però da vedere se il trucco funzionerà davvero oppure se i due Ministri “maverick” finiranno per indebolire ulteriomente la posizione del Primo Ministro.

Simone Pelizza

Foto di copertina di Horasis Licenza: Attribution-ShareAlike License