utenti ip tracking
giovedì 28 Maggio 2020
More

    Speciale COVID-19

    Il Nord Europa vs la Covid-19

    In 3 sorsi - Quale strategia hanno adottato i...

    Il Brasile tra il virus e i militari

    In 3 sorsi - Il Brasile è ormai il...

    Libano e Iraq: la crisi nella crisi

    Analisi - L’emergenza sanitaria legata alla pandemia giunge in...

    Like Dew in the Sun: l’Ucraina di Peter Entell

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.

    Recensioni | Geomovies – In nomen omen. Il destino dell’Ucraina  sta tutto nel suo nome, u krajna “sul confine”

    Terra di frontiera tra le due Europee, spazio liquido tra Est e Ovest, conteso, conquistato, strattonato da potenti vicini: russi, polacchi, austro-ungarici.

    Un crogiolo ricco di sedimentazioni multietniche: greci, cimmeri, sarmati, magiari, kazari, ebrei, bulgari, tatari, moldavi, slavi, mongoli, lituani, tatari, polacchi, cosacchi.

    Una coabitazione sempre molto difficile, con il fiume Dnepr a fare da limes naturale tra i territori occidentali eredi della Galizia orientale, prima polacca, poi asburgica e poi nuovamente polacca, abitati prevalentemente da ucraini e polacchi di fede greco cattolica, e i territori sulla riva orientale, russofoni e ortodossi.

    Embed from Getty Images

    Difficile leggere il futuro dell’Ucraina senza comprenderne il passato; quanto al presente è guerra. Nel Donbass, regione nordorientale del Paese, si combatte da oltre tre anni una guerra guerreggiata che nessuno dei contendenti ha intenzione di interrompere e che il resto del mondo ha messo nel congelatore.

    Peter Entell, regista di origini ucraine, la attraversa coraggiosamente questa guerra con il suo bel documentario Like Dew in Sun, ripercorrendo sulle tracce della sua famiglia, le ragioni di questo conflitto.

    I due viaggi si intrecciano, quello personale di Peter negli archivi del Paese e quello nelle due anime ucraine.

    Da un posto di blocco all’altro Peter ci porta dagli ucraini governativi ai separatisti filo russi restando fedele, da vero documentarista qual è, ai dettami del genere: alto valore informativo e aderenza alla realtà, senza ammiccamento alcuno.

    Leggi il resto della recensione su Geomovies

    Mariangela Matonte

     

    Foto di copertina di bobobahmat Licenza: Attribution-ShareAlike License

    Mariangela Matonte
    Mariangela Matonte

    Laurea in scienze politiche internazionali, scuola diplomatica MAE, analista politico, appassionata da sempre di relazioni internazionali e di politica. Molti viaggi, tante esperienze lavorative. Il tutto sempre con vocazione internazionale. Relazioni transatlantiche, Mediterraneo e Medio Oriente principali focus di interesse.

    Curatrice del blog Geomovies, che si occupa del rapporto tra cinema e politica internazionale.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite