La frontiera tra Italia e Svizzera sul Gran San Bernardo
Puoi leggerlo in 2 min.

Le recensioni del CaffèNel suo ultimo libro Federico Simonti esplora il concetto di Frontiera e i suoi molteplici sviluppi nel corso della storia umana

Ogni volta che l’uomo si è incontrato con l’altro, ha sempre avuto davanti a sé tre possibilità di scelta: fargli la guerra, isolarsi dietro a un muro o stabilire un dialogo”.  (R. Kapuscinski)

L’invenzione della Frontiera di Federico Simonti non è un diario di viaggio. Non è nemmeno un libro di storia  o  di geopolitica.  L’invenzione della Frontiera è tutte queste cose insieme. È una costruzione narrativa a più livelli, una indagine storico-filosofica, una raccolta di autori, personaggi , luoghi, tutti legati fra loro dal tema della Frontiera.

La Frontiera con la F maiuscola perché l’obiettivo dell’autore, peraltro  riuscito, è di mettere in primo il concetto metafisico di frontiera.  La Frontiera come sfida, passaggio, invenzione convenzionale, linea mobile e in continua trasformazione fra “Noi” e l’ “Altro”.  Progressivamente la Frontiera ha perso  queste sue connotazioni,  ha perso il suo significato etimologico e concettuale originario, l’idea propria di essere di fronte a qualcuno o a qualcosa  da attraversare.

Attraverso sequenze di luoghi e di tempi vediamo la Frontiera assumere le sembianze di giganteschi muri, perdere la sua naturale porosità e diventare sempre più sbarramento, barriera difensiva, demarcazione tra civilizzazione e barbarie.

Embed from Getty Images

Fig. 1 – Il confine turbolento tra Stati Uniti e Messico

Architetto di formazione, viaggiatore di vocazione, Federico Simonti  traccia un excursus storico, erudito, ma non didascalico, sulla nascita e l’evoluzione della Frontiera.  Ne ripercorriamo la storia partendo dalla antica Grecia, attraversando  il limes Imperii dei romani, passando per i grandi Muri della storia, la Grande Muraglia,  il Muro di Berlino, fino ad arrivare all’orribile e gigantesco muro americano  che separa gli Stati Uniti dal Messico e a quello israeliano che si snoda attraverso la Cisgiordania.

Grazie alle sue numerose esperienze di viaggiatore  Federico Simonti  va oltre il noto,  ci presenta frontiere spesso ignorate, addirittura sconosciute ai più. Dal Sud Africa post Mandela, all’ Arabia Saudita, alla Turchia, perfino in India  ci imbattiamo in muri-frontiere costruite per  tenere fuori  “l’Altro”.  Troppo ottimisticamente, ci ricorda l’autore,  abbiamo pensato che  la caduta del Muro di Berlino fosse la fine di tutti i muri-frontiere. Ci accorgiamo, invece, che ad estinguersi è solo un certo tipo di frontiera, quella  ottocentesca,  delimitazione ed espressione della  sovranità statale.

[box type=”shadow” align=”alignright” class=”” width=””]“Calato il sipario con la caduta del Muro di Berlino, sul secolo breve, […] la riorganizzazione dello spazio passa attraverso la produzione di nuove e numerose frontiere, [ …] oggi produrre frontiere sembra una moda che non conosce confini [… ]. Dal 1991 sono stati istituiti più di 28mila km di nuove frontiere internazionali e altri 24mila km sono stati oggetto di accordi, di limitazioni e di demarcazioni […]”.[/box]

La globalizzazione, che sembrerebbe condurre a un mondo senza frontiere,  ha invece reinventato il concetto di  Frontiera,  ne ha aggiornato la funzione.  Le frontiere del XXI secolo sono molto più insidiose perché sono invisibili. Qui Federico Simonti rimanda alle frontiere di Impero di Toni Negri, le frontiere  transnazionali, le frontiere globali dei grandi poteri mondiali che delineano nuove forme di sovranità de-territorializzate e in continua espansione. E poi, ancor più perniciose per la loro natura, ci sono le frontiere interne, quelle che attraversano invisibili le nostre metropoli, che confinano gli “indesiderati”  tracciando un reticolo di ghetti e divisioni tra cittadini ed immigrati.

[box type=”shadow” align=”alignright” class=”” width=””]Compra il libro su Amazon
[/box]Malgrado non neghi l’ apparente ineluttabilità delle frontiere (frequente infatti il rimando a Foucault e al suo L’ossessione delle frontiere), Federico Simonti  rimane ottimista, profondamente convinto  com’è della necessità di difendere la Frontiera nella sua funzione, sempre attuale,  di spazio in cui cedendo alla curiosità si finisce col superare i confini per rispettarli.

Un elogio alla Frontiera quello di Federico Simonti , workshop creativi dell’arte di vivere insieme, per citare Bauman,  ma anche un invito ad attraversarla, a sperimentarne le specificità avvicinandoci a popoli che hanno fatto del vivere sulla frontiera il senso della loro identità collettiva.

La Frontiera altrimenti diventa Muro, ammonisce Federico Simonti,  si trasforma in una prigione per entrambe le parti, per  chi la subisce ma anche per chi la erige, come i recenti avvenimenti alle porte dell’Europa stanno a dimostrare.

Mariangela Matonte

 

Foto: Irma-48

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci il tuo nome