utenti ip tracking
martedì 7 Aprile 2020
More

    L’influenza della Covid-19 sull’economia cinese

    I provedimenti per arginare il Covid-19 in Cina e in Europa sono drastici. Oltre ad aver cambiato le abitudini della popolazione, hanno sconvolto il mondo sanitario, economico e finanziario.

    Pakistan e India, una volta nemici…

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    Il Pakistan e l’India collaboreranno attivamente nel mercato energetico. Questo straordinario Cigno Nero si è materializzato durante l’estate nel più ampio trend che vede l’infittirsi delle relazioni internazionali in Asia meridionale. In 3 sorsi.

    1. MARGINI RIDOTTI – India e Pakistan, al di là della loro situazione di perenne conflittualità che li accompagna dalla Partition (1947), hanno dovuto fronteggiare una vicinanza geografica che li ha sempre esposti all’inevitabilità di raffrontarsi. Già a partire dal 1950 una serie di think tanks indiani teorizzavano l’assoluta superiorità di Nuova Delhi. L’atteggiamento indiano, insieme a tutta una serie di errori di calcolo pakistani, ha portato al secolare scontro (iniziato nell’ottobre 1947) per il controllo dell’intera regione del Kashmir, del Kargil e dei ghiacciai del Siachen. Personalità del calibro dell’analista  Krishnaswamy Subrahamanyam negli anni Ottanta arrivavano a dichiarare che non si trattasse tanto di contrastare o meno la supremazia indiana, quanto di rinunciare, da parte del Pakistan, alla sua artificiale rappresentazione di parità rispetto all’India. L’India ha visto quasi sempre il Pakistan come un cavallo di Troia per l’influenza prima statunitense, poi cinese nell’area. Invece, da parte pakistana, il discorso verteva sull’arginare le mire espansionistiche e imperialistiche dell’India, partendo dal versante delle eredità ancestrali per assumere connotazioni patriottiche e nazionalistiche. Insomma le aperture al dialogo sono state poche e le collaborazioni fino a oggi non profonde. 

    2. INDIA E PAKISTAN OGGI – Segnali di apertura al dialogo economico si ebbero già nel maggio 2013 con le dichiarazioni del neo-rieletto primo ministro Nawaz Sharif. Per una più completa apertura si è però atteso il cambio dell’esecutivo indiano, avvenuto con l’elezione di Narendra Modi. Infatti, a partire dalla primavera di quest’anno, si è seriamente cominciato a parlare di collaborazione nel campo energetico. L’India è una potenza regionale che aspira a crescere ed è bisognosa di energia, ma il Pakistan ha una sete immensa di energia elettrica, non riuscendo a coprire che per due terzi il proprio fabbisogno. Il dialogo si è quindi riaperto su questo punto e sulla lotta comune al terrorismo, argomento che ha fatto da pushing factor (elemento di spinta) e catalizzatore per far sedere i due avversari storici allo stesso tavolo. A tal proposito bisogna ricordare che gli Stati Uniti stanno progressivamente abbandonando le loro basi pakistane e Nawaz Sharif dovrà provvedere in proprio a trattare soggetti come il Tehrik Taleban Pakistan, il Lashkar-e-Taiba o i Mujahidin del Deccan. E di certo il terzo gruppo, residuo  nelle Aree Tribali e presente nel Kashmir conteso, richiama anche a Nuova Delhi episodi molto spiacevoli, come quello dell’attacco del 2008 al Taj Mahal. Questa varietà di esigenze e preoccupazioni ha portato, nel maggio 2014, a un inizio di dialogo con l’India, in particolare sul Trans Boundary Cooperation in Energy Sector organizzato dall’Istituto pakistano per la politica di sviluppo sostenibile, che ha riguardato proprio l’argomento della collaborazione. Per inciso, all’incontro hanno partecipato anche autorità americane legate alla First Energy Solution. Ciò è avvenuto forse anche perché agli Stati Uniti non dispiace che, una volta abbandonato il Pakistan, esso si differenzi nelle alleanze guardando all’India oltre che alla Cina.

    Embed from Getty Images

    Tecnico pakistano opera su una turbina elettrica in Kashmir. Il Pakistan soffre gravi insufficienze energetiche

    3. LA VISITA DI XI JINPING – Al di là degli intenti dichiarati, la visita del Presidente cinese in India lo scorso mese è stata preceduta di una settimana da accordi specifici di cooperazione siglati il giorno 11 settembre. Pakistan e India, con una prima tavola rotonda di esperti e tecnici, hanno identificato fondamentali futuri campi di collaborazione nelle aree tessile, della produzione e commercio di pelle, minerali preziosi e gioielli, ma soprattutto delle energie rinnovabili. L’obiettivo dichiarato è di raggiungere un interscambio commerciale di 6 miliardi di dollari. A tal proposito è stato firmato un documento successivo alla visita che concede particolari facilitazioni a privati e banche operanti fra i due Paesi. Quindi, la visita in India del Presidente e segretario del Partito comunista cinese ha dato un incisivo input verso una fattiva alleanza. A questo punto, tuttavia,  la forzatura della LOC Kargil da parte di truppe pakistane e la risposta delle truppe indiane e del primo ministro Narendra Modi, con toni che ci riportano a quelli di Subrahamanyam, ha ricondotto tutto sui binari della conflittualità e dello scontro, mettendo per il momento in forse l’esistenza stessa di questo sorprendente Cigno Nero.

    Francesco Valacchi

    [box type=”shadow” align=”aligncenter” ]Un chicco in più

    Per chi volesse approfondire i temi trattati consigliamo la lettura di uno studio del Center for Strategic and International Studies e uno dell’Università di New Delhi[/box]

     

    Foto: theglobalpanorama Pakistan e India, una volta nemici... 1

    Francesco Valacchi
    Francesco Valacchi
    Nato a Siena nel 1980, laureato in Scienze Strategiche nel 2004 presso l’ateneo di Torino ed in Studi Internazionali presso quello di Pisa nel 2013. Abita a Livorno.
    E’ appassionato di geopolitica e strategia e ufficiale in servizio permanente effettivo nell’esercito italiano.
    Passa il suo scarsissimo tempo libero leggendo di geopolitica, scrivendo di geopolitica, saltando fuori da aerei perfettamente funzionanti ed insegnando a farlo, e arrampicandosi sulle montagne.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    1 commento

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome