statistiche free
giovedì 27 Febbraio 2020
More

    Dall’Austria un esempio per l’Unione Europea?

    In 3 sorsi - Vienna ha un nuovo Governo...

    Il Libano in rivolta: crisi di legittimità e collasso economico

    Analisi - La thawra - rivoluzione - libanese...

    Associati al 2020 del Caffè

    Il Washington Post dopo l'elezione di Donald Trump alla...

    L’Afghanistan post-elezioni: ansie o speranze?

    In 3 sorsi - Nonostante i negoziati con...

    I primi germogli della primavera araba

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 2 min.

    All'indomani delle prime elezioni libere in Tunisia, il “Caffè” vi offre una testimonianza direttamente dalla capitale maghrebina. In attesa dei primi risultati ufficiali, che dovrebbero premiare il partito degli Islamici moderati, alcune riflessioni su un evento storico che potrebbe far nascere i primi frutti concreti del risveglio sociale delle popolazioni arabe. Gli eletti saranno chiamati a far parte dell'Assemblea Costituente e a redigere la carta legislativa fondamentale della nuova Tunisia

    FINALMENTE CI SIAMO – Il giorno tanto atteso è giunto, ed è accolto con entusiasmo da larghi strati della popolazione. Mentre una moltitudine di giornalisti internazionali assistono scettici al primo voto democratico della Repubblica tunisina, la cittadinanza si accalca e attende a lungo fuori dai seggi elettorali della capitale. Lo scetticismo degli osservatori stranieri non è però ingiustificato. La cittadinanza appare spaccata: una parte partecipa con gioia alle elezioni dell'Assemblea Costituente, sentendosi responsabilmente protagonista di un momento storico di fondamentale importanza per la Tunisia e, di riflesso, per tutto il mondo arabo ancora impegnato in una difficile transizione. Un'altra parte della popolazione, invece, stenta a notare le differenze con il passato regime, si disinteressa cinicamente criticando i governi provvisori succedutisi finora che non hanno dimostrato di essere all'altezza delle aspettative. La Costituente ha davanti a sè un percorso difficile: dovrà darsi un regolamento interno e nominare un nuovo governo provvisorio, questa volta legittimato dal voto popolare, prima di iniziare i lavori di stesura della nuova legge fondamentale tunisina.

    TEMPI LUNGHI PER LA COSTITUENTE – Risulta quindi facile aspettarsi dei tempi abbastanza lunghi prima che entrambe le istituzioni siano del tutto operative. Non sarà affatto facile, infatti, per la Costituente trovare un accordo sulle nomine, in quanto avrà una composizione estremamente variegata, risultato di un sistema su base circoscrizionale e delle migliaia di liste iscritte alle elezioni. Nelle 27 circoscrizioni sono infatti iscritte in tutto 1517 liste, di cui 655 liste indipendenti, 828 partitiche e 34 di coalizione. Anche all'estero sono presenti 145 liste di cui 72 indipendenti, 66 di partito e 7 di coalizione. In tutto 1618 candidati in Tunisia e 474 all'estero. Inoltre, nonostante tutti i partiti sostengano formalmente la necessità di estendere le libertà individuali, nessuno di loro si è soffermato ad una loro definizione, ed è quindi probabile che molti dei partiti e liste abbiano una concezione di diritti e libertà estremamente diverse tra loro. Di certo è cosi se si pensa al partito islamista Al-Nahda e alla moltitudine di partiti della gauche, comunisti o di derivazione sindacale.

    content_898_2

    LE SFIDE – Le nuove istituzioni della seconda Repubblica tunisina dovranno affrontare una sfida ancora più importante: soddisfare le aspettative della cittadinanza in ambito socio-economico attraverso una gestione trasparente delle cosa pubblica e una migliore redistribuzione del reddito instaurando un nuovo stato sociale e nuovi servizi. Una sfida ancor più difficile se si pensa al momento di crisi economica globale. La Tunisia avrà quindi l’occasione di sperimentare un nuovo modello di partecipazione e redistribuzione, per forza di cose diverso da quello delle democrazie occidentali che oggi sono costrette a fare importanti passi indietro proprio sul sistema di welfare. La Tunisia, per la prima volta nella sua storia, ha l’occasione di pensarsi come un modello per i Paesi della regione che a breve affronteranno le stesse sfide. Nonostante tale duplicità, la stragrande maggioranza dei tunisini (intorno al 90%) ha deciso di credere e partecipare al processo elettorale, considerato un approdo fondamentale nel difficile viaggio verso la costruzione di uno stato democratico. Compito dei paesi occidentali sarà quello di sostenere tale aspirazione, qualsiasi sia il risultato delle elezioni, dimostrando – almeno questa volta – che è possibile un approccio democratico anche nelle relazioni internazionali.

    Vincenzo Andricciola (da Tunisi) redazione@ilcaffegeopolitico.net

    Articolo precedenteAlla conquista del Laos
    Articolo successivoLe virtù della moderazione
    Redazione
    Redazionehttps://www.ilcaffegeopolitico.org

    Il Caffè Geopolitico è un’Associazione Culturale, le cui attività si sviluppano prevalentemente attraverso questa Rivista online, che raccoglie i contributi di quanti amano studiare, analizzare e comunicare i fatti delle relazioni internazionali e i temi della geopolitica ad essi connessi.
    La Rivista è interamente sviluppata in rete, grazie al contributo e al supporto di soci e simpatizzanti in Italia e nel mondo, la maggioranza dei quali è composta da giovani professionisti e studenti universitari.
    Infatti, i nostri soci e i nostri autori si scambiano informazioni e lavorano attraverso la rete internet, creando un network di connessioni molto diffuso e capace di stimolare la ricerca e lo scambio di conoscenze su una grande molteplicità di temi e aree geografiche.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome