Image credits: The Guardian
Puoi leggerlo in 2 min.

Dopo il tour europeo, Barack Obama è andato in visita in Arabia Saudita per affrontare i numerosi dossier concernenti la regione e per cercare di far convergere le visioni strategiche dei due Paesi. In 3 sorsi analizziamo i temi discussi e gli eventuali risultati.

IL VIAGGIO – Dopo aver lasciato l’Italia, venerdì 28 marzo il presidente degli Stati Uniti Barack Obama è giunto in Arabia Saudita, ultima tappa del viaggio che ha coinvolto anche Paesi Bassi e Belgio. Riyadh è uno storico partner per Washington, soprattutto nell’ottica della ricerca di una stabilità nella regione del Medioriente. Il clima che però aspettava Obama era tutt’altro che sereno. Negli ultimi anni USA e Arabia Saudita, storici alleati, hanno assunto posizioni molto diverse sui vari dossier dell’area, soprattutto in seguito alle “Primavere” arabe. I principali punti di contrasto tra i due Paesi sono la Siria, l’Iran, l’Egitto e la questione del rispetto dei diritti umani.

t1larg.king.abdullah.afp.gicnn
Re Abdullah
Image credits: CNN

I DOSSIER – Per quanto concerne la Siria, l’Arabia Saudita da tempo spinge per un più attivo e convinto sostegno alle milizie ribelli contro le truppe di Assad e relativi sostenitori. Gli Stati Uniti rimangono sulla propria posizione, rimarcando che le forze degli insorti sono fortemente infiltrate da gruppi islamici radicali, soprattutto facenti parte dell’ISIS (Islamic State of Iraq and Syria – Stato Islamico di Iraq e Siria). Con questa decisa presenza estremista, Washington non ha intenzione di aumentare le forniture ai ribelli, in particolare per quanto riguarda armi anti-aeree spalleggiabili. Sul dossier Iran, Riyadh non vede di buon occhio, anzi osteggia apertamente, l’apertura di credito, seppur leggera, che gli Stati Uniti hanno concesso a Teheran riguardo al programma nucleare. L’Arabia Saudita teme infatti che i negoziati siano solo un metodo iraniano per prendere tempo e portare avanti il programma di arricchimento dell’uranio, in modo da poter produrre armi nucleari. Un Iran dotato di un arsenale atomico sarebbe una seria minaccia all’influenza politico-militare (oltre che religiosa) di Riyadh nella regione. Per quanto concerne l’Egitto, l’Arabia Saudita non ha “perdonato” a Obama il sostegno aperto alla destituzione di Hosni Mubarak e alla successiva vittoria elettorale del movimento dei Fratelli Mussulmani, con la conseguente nomina a Presidente di Mohamed Morsi. I colloqui di Obama con il re Abdullah hanno avuto proprio lo scopo di cercare convergenze sulle questioni d’instabilità che affliggono il Medioriente e provare a riavvicinare le posizioni statunitense e saudita.

I RISULTATI – Il presidente Obama è ripartito alla volta di Washington sabato scorso. Secondo fonti non ufficiali, ma riconducibili all’Amministrazione statunitense (non vi sono state infatti conferenze stampa), i due leader hanno ribadito il legame tra i due Paesi e la «solida alleanza» che li lega, definendo le posizioni riguardo ai temi trattati «molto allineate» («very much aligned»). Nonostante questo non sembrano esserci stati sensibili mutamenti o particolari convergenze.  Non sono stati toccati argomenti riguardanti i diritti umani, anche se Obama ha voluto partecipare a una breve e privata cerimonia durante la quale ha consegnato l’International Women of Courage award (Premio Internazionale per le Donne di Coraggio) a una donna saudita per il suo contributo alla lotta e alla prevenzione delle violenze domestiche nel regno saudita.

Emiliano Battisti

Image credits: University of Texas
Image credits: University of Texas
Print Friendly, PDF & Email
Emiliano Battisti

Sono nato a Roma nel 1986 e ho conseguito la laurea triennale in Scienze Politiche e quella specialistica in Relazioni Internazionali presso la LUISS Guido Carli. Dopo due esperienze in Ambasciate come stagista (presso quella italiana a Washington e presso quella statunitense a Roma) ho collaborato con l’Istituto Affari Internazionali a Roma e con il Centro Militare di Studi Strategici. Ho un Master in Istituzioni e Politiche Spaziali e uno in Giornalismo e Giornalismo Radiotelevisivo. Scrivo per Il Caffè Geopolitico dal settembre 2013 iniziando con Miscela Strategica dove mi sono occupato (e mi occupo) di spazio, difesa antimissile e velivoli militari. Inoltre, analizzo i teatri di crisi internazionale. Attualmente sono responsabile dell’Ufficio Stampa, del coordinamento dei Social Media e del desk Nord America oltre ad aver creato il desk spaziale AstroCaffè.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci il tuo nome