utenti ip tracking
lunedì 13 Luglio 2020
More

    Speciale COVID-19

    La Germania alla testa del Consiglio dell’Unione Europea

    Analisi - Dopo i sei mesi di Presidenza del...

    Crisi politica e pandemia, il 2020 del Perù

    In 3 sorsi – Il nuovo anno a Lima...

    Serbia: si salvi chi può

    Analisi - Le elezioni parlamentari e quelle per il...

    La crisi nel Messico di AMLO minaccia Trump

    In 3 sorsi – L’epidemia di Covid-19 sta facendo...

    L’esodo venezuelano e l’America Latina

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.
    • Le origini della diaspora sono rintracciabili nella crisi economica, politica e sociale del Paese
    • Le reazioni dei Paesi della regione si dividono tra apertura totale e una buona dose di cautela
    • Nella regione, la gestione della diaspora venezuelana sarà un game changer

    La crisi migratoria venezuelana è un problema economico, politico, sociale e umanitario di primo livello. Seconda solo all’esodo provocato dalla guerra in Siria, la diaspora venezuelana ha portato oltre 4 milioni di persone ad abbandonare un Paese in grave crisi e riversarsi in gran parte nella regione circostante. L’America Latina non ha risposto in maniera unanime e ogni Stato ha adottato una propria strategia. La Colombia, il Paese con la maggiore affluenza di migranti e rifugiati, si è aperta e ha provato a gestire l’immigrazione invece di spendere limitate energie e investimenti in un’opera di contenimento oggettivamente difficile. Anche l’Argentina ha assunto una posizione di apertura, nonostante le gravi difficoltà della sua economia. Paesi come Ecuador, Brasile e Cile hanno invece preferito un’apertura cauta e controlli più rigidi. L’esodo venezuelano è destinato a crescere e sarà certamente uno dei temi cruciali della regione nei prossimi anni.

    Elena Poddighe

    Elena Poddighe
    Elena Poddighe

    Nata a Sassari nel 1993, ho studiato in Italia, Francia e Belgio. Sono laureata in Scienze Politiche e specializzata in Relazioni Internazionali. Dopo l’esperienza Erasmus ho preso sul serio l’idea che tutto il territorio europeo potesse essere casa mia, così mi sposto costantemente da un punto all’altro, scoprendo pregi e difetti di questa nostra bellissima Europa. Non so preparare il caffè e non lo bevo, ma so cucinare e soprattutto mangiare le lasagne!

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite