Photo by Svetlana_Novikova is licensed under CC BY-NC-SA
Puoi leggerlo in 1 min.

Almanacco del Caffè30 ottobre 1941: inizia l’assedio di Sebastopoli, condotto principalmente dall’Undicesima Armata tedesca del generale Erich von Manstein e supportato da unità leggere della Marina italiana.

I tedeschi avevano invaso la Crimea a fine settembre, con l’obiettivo di mettere al sicuro i pozzi petroliferi romeni da eventuali attacchi sovietici, e avevano occupato l’intera penisola in poche settimane, con l’eccezione di Sebastopoli e del vicino stretto di Kerch. Da qui la decisione di assediare e conquistare la piazzaforte usando un vasto schieramento di truppe, artiglieria e forze aeronavali. Ma la guarnigione sovietica resisterà con successo agli assalti nemici e un’operazione anfibia a dicembre permetterà all’Armata Rossa di spezzare parzialmente l’assedio, constringendo i tedeschi alla difensiva. Solo nell’estate 1942 gli uomini di Von Manstein lanceranno un nuovo assalto massiccio a Sebastopoli, sostenuto da bombardamenti devastanti della Luftwaffe, e riusciranno finalmente a impadronirsi del porto e della città.

Durante il lungo assedio i sovietici perderanno circa 200mila uomini ma riusciranno a bloccare per mesi ingenti forze tedesche, finendo per ritardare e indebolire la cruciale offensiva della Wehrmacht verso il Caucaso e Stalingrado. L’Armata Rossa riconquisterà sia Sebastopoli che la Crimea nella primavera del 1944.

Simone Pelizza

Print Friendly, PDF & Email