Photo by 1266784 is licensed under CC BY-NC-SA
Puoi leggerlo in 2 min.

In 3 sorsi – Il 27 giugno è un giorno che la Tunisia non dimenticherà. L’ISIS ha compiuto due attacchi nella capitale, mentre il Presidente Beji Caid Essebsi è stato ricoverato per un malore all’ospedale militare di Tunisi. Ma la minaccia continua a farsi sentire.

1. GLI ATTACCHI DEL 27 GIUGNO

Il 27 giugno scorso due attacchi suicidi hanno colpito Tunisi: il primo si è verificato non molto lontano dall’ambasciata francese, nella via centrale Charles de Gaulle, uccidendo un poliziotto e ferendo quattro persone, mentre il secondo è stato compiuto nei pressi di una stazione di polizia e ha ferito altre quattro persone.
Lo Stato Islamico ha rivendicato la responsabilità degli attacchi, dopo l’ultimo attentato avvenuto nell’ottobre 2018, quando una donna si era fatta esplodere nel centro di Tunisi ferendo nove persone. La minaccia jihadista non è nuova nel Paese. La Tunisia, infatti, è stata colpita diverse volte e molti tunisini si sono uniti alle fila dello Stato Islamico per poi ritornare in patria a partire dal 2014. Il Governo ha sviluppato un sistema di riconoscimento di questi soggetti, ma non vi è un programma di de-radicalizzazione o delle procedure standard da seguire nelle prigioni per i foreign fighters che vengono arrestati.
Dopo l’avvio di una transizione politica democratica con le Primavere del 2011, la Tunisia deve combattere adesso contro queste instabilità politiche ed economiche, anche in vista del voto delle elezioni parlamentari che si terranno a ottobre prossimo.

Embed from Getty Images

Fig. 1 – La polizia sulla scena dell’attentato nei pressi dell’ambasciata francese a Tunisi il 27 giugno

2. GLI EFFETTI SUL PIANO POLITICO ED ECONOMICO

Dal punto di vista economico gli attacchi compiuti nel pieno della stagione turistica potrebbero compromettere questo settore fondamentale. In uno scenario di crescente disoccupazione (con un tasso del 15,4%) e di grande disparità sociale e regionale, il rallentamento dell’industria turistica costituisce sicuramente una minaccia per la stabilità del Paese. Ma finché il problema della sicurezza non verrà affrontato con un approccio strutturato da parte del Governo, questo costituirà un freno per il settore turistico.
Dal punto di vista politico la situazione è aggravata dalla mancanza di un Presidente capace di gestire direttamente la sicurezza interna del paese. Beji Caid Essebsi, 92 anni ed eletto nel 2014, è stato ricoverato per un malore nello stesso giorno degli attacchi. L’uscita di scena di Essebsi prima delle elezioni potrebbe compromettere gli equilibri fragili e destabilizzare il processo democratico, anche perché al momento non vi è una figura istituzionale in grado di rimpiazzarlo.

Embed from Getty Images

Fig. 2 . Scena dell’attacco suicida avvenuto a Tunisi il 27 giugno

3. IL TERZO ATTACCO IN UNA SETTIMANA

Nemmeno a distanza di una settimana, nella mattina del 3 luglio, un uomo ricercato dalla polizia si è fatto esplodere nel quartiere di Mnihla a Tunisi. Il ragazzo, Aymen Smiri, sulla ventina, ha compiuto il gesto non appena i poliziotti lo hanno circondato. Sembra che si tratti del terzo attentatore jihadista, in fuga dopo gli attentati del 27 giugno, ma la questione rimane ancora oscura. Nel frattempo, infatti, un portavoce del Ministro degli Interni ha affermato che l’uomo che era scappato è stata ucciso dalla polizia nelle prime ore del giorno.
Al momento i dettagli su questo ultimo avvenimento sono limitati, ma è certo che la Tunisia dovrà fronteggiare la minaccia per ristabilire un equilibrio e una stabilità prima delle elezioni.

Altea Pericoli

Print Friendly, PDF & Email
Altea Pericoli

Nata a Bari nel 1992, ho cominciato il mio percorso di studi con una laurea in Lingue per le Relazioni Internazionali presso l’Università Cattolica, specializzandomi in arabo, inglese e francese. Ho proseguito con una laurea specialistica in Politiche per la Cooperazione Internazionale allo Sviluppo e un Master in “Cooperazione internazionale, sviluppo ed emergenza” presso l’ISPI di Milano. La mia passione per il mondo arabo mi ha portato a vivere per qualche tempo in Marocco, dove ho studiato più approfonditamente la lingua e scritto la mia tesi riguardante le riforme costituzionali di Muhammad VI. Attualmente sono cultrice di Storia e Istituzioni del Mondo Musulmano presso l’Università Cattolica di Milano e coltivo la mia profonda passione per la ricerca.

Comments are closed.