Puoi leggerlo in 1 min.

RistrettoAlla fine Trump ha fatto quanto promesso: ha dichiarato lo stato di emergenza nazionale per poter avere i fondi per il muro al confine con il Messico senza passare dal Congresso.

La mossa era aspettata, perché democratici e repubblicani hanno raggiunto un accordo per il bilancio federale senza includere gli oltre 5 miliardi richiesti dalla Casa Bianca per il muro.
La prima domanda è: il Presidente può farlo? Risposta: sì. Il National Emergency Act del 1976 conferisce all’inquilino della Casa Bianca ampli poteri in merito e non c’è una definizione chiara di “emergenza”.
Da dove prenderà i fondi? Principalmente dal Dipartimento della Difesa, dove sono già allocate risorse per costruzioni che i militari sarebbero chiamati a fare caso di emergenza nazionale.
Si finirà in tribunale? Anche qui, sì. I democratici erano preparati e sono già pronti i ricorsi.

Dal suo punto di vista però, Trump ne esce bene. Primo, ha ripreso l’iniziativa dopo aver “subito” durante lo shutdown. Secondo, comunque vada sarà un successo. Perché con la dichiarazione di emergenza nazionale, il Presidente ha fatto vedere al suo elettorato che sul muro fa sul serio. In caso il contenzioso giudiziario arrivi fino alla Corte Suprema (e probabilmente sarà così), grazie alla maggioranza conservatrice è possibile che l’iniziativa di Trump abbia l’avallo finale (come è successo per il “travel ban”). In caso contrario, il Presidente potrà additare i democratici, il Congresso e la magistratura come i responsabili del mancato completamento della barriera al confine meridionale.


Emiliano Battisti

Print Friendly, PDF & Email
Emiliano Battisti

Sono nato a Roma nel 1986 e ho conseguito la laurea triennale in Scienze Politiche e quella specialistica in Relazioni Internazionali presso la LUISS Guido Carli. Dopo due esperienze in Ambasciate come stagista (presso quella italiana a Washington e presso quella statunitense a Roma) ho collaborato con l’Istituto Affari Internazionali a Roma e con il Centro Militare di Studi Strategici. Ho un Master in Istituzioni e Politiche Spaziali e uno in Giornalismo e Giornalismo Radiotelevisivo. Scrivo per Il Caffè Geopolitico dal settembre 2013 iniziando con Miscela Strategica dove mi sono occupato (e mi occupo) di spazio, difesa antimissile e velivoli militari. Inoltre, analizzo i teatri di crisi internazionale. Attualmente sono responsabile dell’Ufficio Stampa, del coordinamento dei Social Media e del desk Nord America oltre ad aver creato il desk spaziale AstroCaffè.