contatore visite gratuito
In evidenza
Home - Temi - Il giro del mondo in 30 caffè - Il Giro del Mondo in 30 Caffè – 2014

Il Giro del Mondo in 30 Caffè – 2014

Cosa aspettarsi dall’anno nuovo appena cominciato?
Una campagna militare contro il regime di Assad? Un aumento delle tensioni nel Pacifico tra Cina e Giappone? Un inasprimento della crisi economica in Europa oppure l’inizio della ripresa?
Noi proviamo a darvi qualche indicazione. Puntualmente, come ormai da quattro anni a questa parte, vi presentiamo “Il Giro del Mondo in 30 Caffè”, l’outlook del Caffè Geopolitico sulle principali vicende globali da tenere d’occhio.

Quest’anno abbiamo cominciato con il sondaggio sul “personaggio più influente nelle relazioni internazionali nel 2013”: un gustoso “antipasto” natalizio che ha decretato la vittoria di Vladimir Putin, Presidente russo controverso ma sicuramente in grado di influenzare gli equilibri globali.
E continuiamo con gli articoli, divisi in varie sottocategorie: abbiamo gli Stati protagonisti nel 2013, quelli che lo saranno (secondo noi) nel 2014, le grandi tematiche e le mappe, realizzate interamente da noi.

Speriamo di informarvi, interessarvi e anche divertirvi. Buon Giro del Mondo e, come sempre, buon Caffè!

marzo, 2014

febbraio, 2014

  • 25 febbraio

    USA e UE: le grandi elezioni del 2014 in cinque punti

    Il Giro del Mondo in 30 Caffe’ – Il 2014 sarà un anno di grandi elezioni in Europa e Stati Uniti: in primavera, i Paesi membri saranno chiamati a votare per il nuovo Parlamento dell’Unione, in autunno gli USA affronteranno le consultazioni di midterm.

  • 21 febbraio

    Dieci domande sulla Cina 2014

    Il Giro del Mondo in 30 Caffè – La Cina che non cresce più come una volta, politica interna di Xi Jinping, figlio unico, scenari e prospettive di una politica estera in cui Pechino sarà sempre più protagonista e molto altro ancora: ecco di seguito 10 punti sulla Cina 2014 discussi con Thomas Rosenthal, Direttore del CeSIF (Centro Studi per l’Impresa della Fondazione Italia Cina).

  • 18 febbraio

    Siria, gli scenari per il 2014

    Il Giro del Mondo in 30 Caffè – Una intervista con Alberto Negri, inviato del Sole 24 Ore, per fare il punto sulle possibili evoluzioni del conflitto siriano, tra dinamiche interne e internazionali. Con uno sguardo allargato alla cosiddetta “Primavera araba”, tre anni dopo

  • 17 febbraio

    Ucraina: Poltava 2.0

    Il Giro del Mondo in 30 Caffè – La battaglia della Poltava, nel 1709, vide la contesa tra Svezia e Russia sull’Ucraina. La storia si ripete con l’UE al posto degli scandinavi.

  • 11 febbraio

    L’Italia e la politica estera nel 2014

    Il Giro del Mondo in 30 Caffè – L’Italia ha un rapporto strano con la politica estera. A volte le diamo grande importanza, più spesso la releghiamo ad un ruolo di immeritato secondo piano. Come sarà la politica estera italiana nel 2014? 5 domande e 5 risposte per fare il punto

  • 7 febbraio

    Sochi, l’Olimpiade come pretesto

    Il Giro del Mondo in 30 Caffè – Oggi si terrà la cerimonia d’apertura delle Olimpiadi di Sochi, le più controverse e costose mai organizzate

  • 3 febbraio

    I piccoli passi avanti del gigante americano nel 2014

    Il Giro del Mondo in 30 Caffè – Il 2014 si presenta come un anno di rilancio per gli Stati Uniti, anche se le sfide non mancano. Obama avrà dalla sua parte la crescita economica, la diminuzione della disoccupazione e la maggior apertura internazionale ma dovrà affrontare un delicato ritiro dall’Afghanistan, il confronto con l’Iran e le elezioni di mid-term che potrebbero causargli qualche grattacapo. 1. Dove sarà concentrata l’attenzione di Obama nel 2014? – I teatri da tenere sotto la lente d’ingrandimento per l’Amministrazione americana sono diversi. Innanzitutto l’Afghanistan: sia il “processo di Kabul”, avviato nel 2010, sia la conferenza di Chicago, del maggio 2012, indicano il 2014 come l’anno della svolta per la situazione delle truppe ancora sul campo. Obama ha investito molto sulla questione afgana e i risultati potrebbero vedersi in questi dodici mesi, in cui le truppe regolari dovrebbero essere ritirate, per lasciare posto a contractors e nuclei specializzati per l’addestramento. Anche lo scenario persiano possiede un’importanza vitale, non solo per la questione nucleare, che ad ogni modo, riveste un ruolo centrale per provare le vere intenzioni della diplomazia occidentale e iraniana. Gli spiragli di dialogo aperti da Rohani potrebbero rivelarsi fondamentali per la stabilizzazione dell’area (Afghanistan e Iraq compresi), che non può essere reale e duratura senza il coinvolgimento internazionale dell’Iran. Altre questioni, all’apparenza minori, potrebbero rivelarsi cruciali. I rapporti con la Russia, sia in generale sia su aspetti specifici (per tutti la corsa all’Artico) riceveranno un’eco maggiore da febbraio con le manifestazioni olimpiche di Sochi. Le relazioni sia con la Cina sia con gli alleati americani nel Pacifico, nella non remota eventualità di una rivitalizzazione delle dispute territoriali nel Mar cinese, sottoporrebbero Obama decisioni no semplici. Infine il 2014 potrà essere un anno di riassetto degli equilibri, scossi dalla reazione di Paesi considerati amici …

  • 3 febbraio

    UE: è l’anno dell’Italia (2)

    Il Giro del Mondo in 30 Caffè 2014 – Seconda parte della nostra analisi sul semestre italiano come Presidente dell’Unione Europea. Oggi vi spieghiamo in dettaglio in cosa consisterà l’agenda del Governo Letta,