contatore visite gratuito
In evidenza
Home - Aree geografiche - Medio Oriente

Medio Oriente

febbraio, 2017

  • 23 febbraio

    Gli F-15SA per l’Arabia Saudita

    Miscela Strategica – L’introduzione dell’F-15SA nell’Aeronautica Militare dell’Arabia Saudita influisce sugli alcuni equilibri di forza nell’area mediorientale per via delle sue peculiarità tecnologiche e della panoplia di armamenti compresi nella commessa da 29 miliardi di dollari 

  • 21 febbraio

    “Fortress Europe”: congelati i negoziati con la Turchia (II)

    In 3 sorsi – La seduta plenaria del Parlamento Europeo a Strasburgo di giovedì 24 novembre si è conclusa con una risoluzione sulla “sospensione temporanea dei negoziati di adesione in corso con la Turchia”. Ferita nell’orgoglio, la Turchia è stanca di aspettare sull’uscio dell’Europa e guarda verso Oriente

  • 16 febbraio

    Chi sono gli Iraniani in Italia? (II)

    La comunità iraniana in Italia presenta alcune caratteristiche sociologiche simili a quelle che si riscontrano tra gli Iraniani residenti in altre nazioni occidentali accanto ad elementi peculiari che, intrecciati alla politica migratoria italiana e al pregiudizio dell’opinione pubblica, portano gli Iraniani a considerare l’Italia tendenzialmente come residenza temporanea

  • 7 febbraio

    Chi sono gli Iraniani in Italia? (I)

    Due milioni di Iraniani vivono al di fuori dei confini nazionali, venticinquemila dei quali in Italia. Negli ultimi anni la comunità iraniana residente nella penisola è cresciuta in maniera esponenziale e la percentuale femminile di residenti sta eguagliando quella maschile, con una forte presenza di studenti universitari

  • 6 febbraio

    Il futuro di Bashar Assad

    Il Giro del Mondo in 30 Caffè 2017 – Bashar al-Assad può essere considerato il vero “Die Hard” dei dittatori mediorientali, capace di resistere a quasi sei anni di sanguinosa guerra civile e di essere ora più saldo in sella di qualche anno fa. E in futuro?

  • 3 febbraio

    Visa Ban: un Muro tra Trump e l’Iran

    In 3 sorsi – Dopo una sola settimana dal suo insediamento Donald Trump, attraverso un ordine esecutivo con effetto immediato, ha decretato il blocco temporaneo degli ingressi negli Stati Uniti per i profughi e per i cittadini provenienti da sette Paesi a prevalenza musulmana, tra cui l’Iran. Migliaia di Iraniani in viaggio al momento dell’attuazione del bando sono stati bloccati per ore negli aeroporti di arrivo e ad altri è stato impedito di partire. Durissima la reazione dei media e del Governo iraniano, che risponde applicando il principio di reciprocità

gennaio, 2017

  • 31 gennaio

    La nuova politica mediorientale di Theresa May

    Per la Gran Bretagna, la Brexit ha rappresentato una cesura importante nella storia delle sue relazioni internazionali, aprendo nuovi orizzonti alla politica estera britannica, adesso sganciata dalle politiche dell’UE. Un emblematico esempio di questo cambiamento è costituito dal recente viaggio in Medio Oriente del Primo Ministro inglese Theresa May

  • 23 gennaio

    Un 2017 difficile per la Turchia di Erdogan

    Il Giro del Mondo in 30 Caffè 2017 – Dopo un 2016 da dimenticare, il 2017 della Turchia non si è aperto sotto auspici migliori. L’attacco terroristico al Reina di Istanbul rischia di essere solo il prologo di un anno che– nella migliore delle ipotesi – si prospetta “impegnativo” per il Governo di Ankara

  • 18 gennaio

    Gli Usa e lo Yemen, una guerra internazionale

    Tra le prime questioni che Donald Trump dovrà risolvere durante i suoi quattro anni di amministrazione c’è senza dubbio l’atteggiamento statunitense nel conflitto yemenita. La guerra è iniziata nel 2015 e interessa tutti gli equilibri geopolitici mondiali

  • 9 gennaio

    Netanyahu e la politica dello struzzo

    L’attentato a Gerusalemme non è, molto probabilmente, opera dell’ISIS come indicato dal Premier Israeliano Benjamin Netanyahu. E notare la matrice differente non è errato, né complicità. E’ semplicemente l’analisi di fenomeni diversi, con origine diversa, che comunque sfociano in un atto terrorista, per il quale non c’è comunque giustificazione.