contatore visite gratuito
Home - Eventi - Ci vediamo a Milano: si parla di migrazioni e guerra

Ci vediamo a Milano: si parla di migrazioni e guerra

Sabato 28 Novembre, doppio incontro a Milano per parlare di migrazioni e guerra

Mediterraneo e migranti: Milano, incrocio e attraversamento della città

Ore 9.30, in via S. Antonio 5 si terrà un laboratorio di approfondimento socio-politico sul tema «Mediterraneo e migranti: Milano, incrocio e attraversamento della città». Il nostro Alberto Rossi interverrà sul tema “Dopo Parigi. Guerra e fame attraverso il Mediterraneo“.

Ecco il programma:

  • 9.30, accoglienza e inizio lavori;
  • Alberto Rossi, presidente associazione culturale Il Caffé Geopolitico: “Dopo Parigi. Guerra e fame attraverso il Mediterraneo”
  • don Sergio Massironi, collaboratore del Servizio per la pastorale sociale e il lavoro della Diocesi: “Il Migrante nella visione di papa Francesco

Coordina il dibattito e approfondisce Fabio Pizzul.

  • 11.30, tavola rotonda su «Milano e i migranti: assistenza in transito e attenzione a chi resta», modera Francesca Lozito, intervengono Marco Granelli, assessore alla Sicurezza e solidarietà sociale del Comune di Milano e don Roberto Davanzo, direttore Caritas ambrosiana.

La conclusione dei lavori è prevista per le 13.15. L’iniziativa è rivolta preferibilmente ai giovani. Il numero dei posti è limitato, pertanto è meglio iscriversi inviando mail a [email protected].

Scarica qui la locandina.

Il coraggio di accogliere

Ore 21, presso il Teatro OSGB di via La Farina, 15 a ‪Milano‬, il nostro Presidente, Alberto Rossi, sarà ospite della tavola rotonda sull’‪immigrazione‬ “Il coraggio di accogliere“, organizzata da Il Mondo è la mia Casa e dalla Commissione Missione.

Fiume di migranti – invasione – irregolari – più controlli – muri: questi sono i toni con cui solitamente vengono descritti i fenomeni migratori che attualmente stanno coinvolgendo l’Europa. Ma quali sono le realtà dietro i toni? Quale impatto hanno su di noi? Quali prospettive per la nostra società?

Ecco il programma:

il coraggio di accogliere

Foto: International Organization for Migration

0 comments