contatore visite gratuito
Home - Aree geografiche - Un Caffè con Mikael Westerlund, Savox
Elmetto integrato dell'azienda finlandese Savox Communications

Un Caffè con Mikael Westerlund, Savox

Miscela Strategica La Finlandia è un Paese membro dell’Unione europea ma non della NATO e confina direttamente con la Russia. Il suo settore industriale della difesa risente di questa connotazione geopolitica. Ne abbiamo parlato con Mikael Westerlund, SVP Global Marketing per Savox Communications, azienda leader nelle comunicazioni ed equipaggiamento hi-tech

Mr. Westerlund, what are your best performing products? How relevant is your company in your country and at international level?

We have been talking to and working with the Finnish Defence Forces (FDF) on their Future Warrior 2020 Programme since it began in 2009. We started discussing the need for a future soldier programme with industry partners back in 2004 and were selected by the FDF as prime contractor for the headgear part of the project when the programme started, and so began the research phase followed by prototypes. The resulting product is the THOR Tactical Headgear System for changing Operational Requirements. It has been developed in close cooperation with the Finnish armed forces, with the army, the navy and the air force participating to define their specific development cycles and needs. Today the fifth version of this system is entering the production phase and is designed to be more comfortable and lightweight than the previous models. According to the feedback we’ve received we have done good work.

Sig. Westerlund, quali sono i vostri migliori prodotti? Quanto è importante la sua azienda nel suo Paese e all’estero?

Abbiamo lavorato con le Forze armate finlandesi per il loro “Future Warrior 2020 Programme” dall’inizio dello stesso, nel 2009. Ma il dibattito con i partner industriali sui programmi legati al “soldato futuro” è cominciato già nel 2004. La nostra azienda è stata poi selezionata dalle Forze armate finlandesi come prime contractor per la strumentazione da montare sugli elmetti. Il prodotto finale è il sistema multifunzione THOR Tactical Headgear System. Questo è stato sviluppato attraverso una collaborazione molto stretta con le Forze armate finlandesi, ciascuna delle quali ha definito le sue specifiche e ci ha comunicato le proprie esigenze. Oggi la quinta versione di questo sistema è entrata nella fase di produzione ed è concepita per essere più confortevole e leggera delle precedenti. Secondo le prime impressioni che abbiamo ricevuto abbiamo fatto un buon lavoro.

Mikael Westerlund posa con il "nostro" Marco Giulio Barone presso lo stand di Savox a DSEI 2015
Mikael Westerlund posa con il “nostro” Marco Giulio Barone presso lo stand di Savox a DSEI 2015
  Finland is not a NATO country. Do your products fit NATO standards? 

Yes, definitely. The THOR system is unique in this sense. We are actually looking at other foreign customers, too. We noticed some similar projects missed certain features that we have actually included on THOR. Most of the other programmes are focusing on weapons and vests and much less on headgear systems. We believe we can pivot on innovation and competitiveness. Our system is something really new other stakeholders might find they require. Some European companies are trying to add instruments and sensors to their helmets after initial development; whereas we are doing things differently. We have a different, more open architecture allowing plug-and-play functions traditional helmets do not have and we have made integration the key aspect of THOR’s design, so sensors and components have been designed to integrate and interoperate from the very start of the design. That should interest other NATO nations.

 La Finlandia non è un Paese NATO. I vostri prodotti rispettano gli standard dell’Organizzazione?                                               

Sì, certamente. Il sistema THOR è unico in questo senso, e quindi stiamo vedendo se ci siano altri potenziali clienti all’estero. Abbiamo notato che alcuni progetti similari non hanno alcune caratteristiche che invece il THOR possiede. La maggior parte dei programmi per equipaggiamento individuale si concentrano sulle armi e le uniformi tattiche e meno sulla strumentazione da elmetto. Siamo convinti che possiamo puntare su innovazione e competitività. E il nostro sistema è qualcosa di completamente nuovo ed altri player potrebbero accorgersi di averne bisogno. Alcune aziende europee stanno cercando di integrare strumenti e sensori sugli elmetti dopo lo sviluppo iniziale [del sistema], mentre noi ci regoliamo diversamente. Possiamo vantare una differente e più aperta architettura che permette funzioni “plug-and-play” che gli elmetti standard non consentono. Inoltre, l’integrabilità è la caratteristica chiave del THOR, quindi sensori e componenti sono studiati per integrarsi ed operare [nel sistema] fin dall’inizio. Questo riscuote un potenziale interesse nei Paesi NATO.

Il THOR system di Savox. Courtesy of Savox Communications
Il THOR system di Savox. Courtesy of Savox Communications

The EU Commission has been urging for stronger cooperation amongst European defence firms, as well as encouraging M&A. To what extent do EU-dedicated policies impact your strategic planning? How?

Actually, what happens at EU level matters. We are a small company competing with others that are one to a thousand times bigger than we are. We need to find deals with bigger EU companies so our products can make further headway into the EU market. We are determined to show how we can connect and collaborate with the whole sector, as we believe it would be mutually advantageous. Of course, there are rivalries amongst the oldest and biggest French and British companies, for instance, but we believe that if there was a project or deal that suited our equipment and expertise it would be an opportunity rather than a challenge for us. In the current situation, our size does make it difficult to play a role at the EU level, even though we do have products the other members need and are willing to cooperate with them. But it is difficult today, with so many big competitors in the EU market.

La Commissione europea chiede una maggiore cooperazione tra le industrie europee della difesa, in particolare incoraggiando operazioni di M&A (Merger&Acquisition). Quanto le politiche europee influenzano la vostra pianificazione strategica? E come? 

Al momento attuale ciò che accade a livello europeo è importante. Savox è un’azienda piccola che compete con realtà da una a cento volte più grandi. Quindi abbiamo bisogno di fare accordi con aziende europee più grandi così che i nostri prodotti possano farsi strada nel mercato europeo. Siamo determinati a dimostrare che possiamo connetterci e collaborare con l’intero settore e crediamo che sarebbe reciprocamente vantaggioso. Ovviamente ci sono rivalità e competizione tra le più grandi e vecchie aziende (ad esempio francesi e britanniche), ma crediamo che se ci fosse un progetto unico che richiedesse le nostre capacità sarebbe un’opportunità piuttosto che una minaccia. Nella situazione attuale, la nostra dimensione rende difficile l’inserimento a livello europeo, nonostante gli altri membri necessitino dei nostri prodotti e noi saremmo ben disposti a collaborare. Ma oggi è difficile, con così tanti grossi competitor nel mercato europeo.

Jerry Kettunen, Chief Operating Officer di Savox posa con il "nostro" Marco Giulio Barone allo stand DSEI 2015
Jerry Kettunen, Chief Operating Officer di Savox posa con il “nostro” Marco Giulio Barone allo stand DSEI 2015

Do international crises (at the gates) and related national and EU foreign policies affect your overall performance? How?

They typically do. Our company has its defence business, which you can see here at DSEI, but we also operate in security and law enforcement supplies (police, firemen, rescue). In the last 10-15 years – and following September 9/11 – funds for fighting terrorism have increased and this has meant a larger growth in our sales of law enforcement equipment compared with our defence programmes. That was our core business, though has now slightly decreased. But, in the last two years, Russia at the gates has changed Finnish requirements and we are once again, very importantly, focusing on defence products. Finland is not a NATO country, it has, therefore, to deploy a credible defence alone. So it is natural it will try to put in place the best it can even if the other EU and NATO countries are rather constrained with their own defence budgets. 

Finland is doing the opposite, as far as I know…

Correct. Of course, programmes such as the THOR tactical headgear or IMP C4-I Intercom Communication System, do not happen overnight; they need years in development, so major programmes are not strictly connected to contingency. However, now that threat level is rising, we have a number of concerns to deal with. First, the Finnish Army, our most important customer, is made largely of conscripts. This means that not all of the soldiers are prepared to use proficiently hi-tech systems. On the one hand, it is an opportunity for running our projects, on the other we have new challenges, as we have to respond to the need of upgrading the army taking into account the human resources it can rely on. So, today our response is modularity. The system – THOR – can be scaled down according to needs. So, we will have a few soldiers with the full capability system and many others with a simpler equipment configuration, yet fully compatible and connected to the others. This makes the whole system effective for the army’s needs, but also affordable. So, the answer is yes, there is a political aspect – at multiple levels – one that impacts our way of doing business and our company profile.

Le crisi internazionali alle porte e le correlate politiche nazionali ed europee influenzano la vostra performance? In che modo? 

Tipicamente sì. Una parte della nostra azienda è dedicata al settore difesa, quello che vede qui a DSEI, ma produciamo anche equipaggiamento per forze dell’ordine e di polizia (law enforcement, rescue). Negli ultimi 10-15 anni – ed in seguito all’11 settembre 2001 – i fondi per la lotta al terrorismo sono aumentati e questo ha sancito un aumento delle vendite nel settore law enforcement piuttosto che in quello della difesa. Quindi quello era il nostro business principale, ma oggi si sta assottigliando. Ma negli ultimi due anni, l’atteggiamento della Russia ha cambiato le esigenze della Finlandia, e quindi oggi ci concentriamo nuovamente sul settore difesa in maniera sostenuta. Non essendo un Paese NATO, la Finlandia deve essere in grado di schierare una forza credibile anche individualmente. È quindi naturale che il Paese cercherà di fare del suo meglio anche se gli altri Paesi UE e NATO, al contrario, continuano a diminuire le loro spese.

La Finlandia sta facendo il contrario, per quanto ne so…

Corretto. Ovviamente i programmi come THOR tactical headgear o IMP C4-I Intercom Communication System non saltano fuori dall’oggi al domani. Questi sistemi richiedono anni di sviluppo, e quindi i programmi più complessi non sono direttamente legati alla contingenza. Tuttavia, ora che il livello di minaccia percepita aumenta, abbiamo a che fare con un gran numero di esigenze. La prima di queste è che l’esercito finlandese è composto perlopiù da soldati di leva. Ciò significa che non tutti i soldati sono preparati per utilizzare efficacemente i sistemi hi-tech. Da una parte questa è un’opportunità per portare avanti i nostri progetti, dall’altra è una sfida, perché dobbiamo rispondere all’esigenza di ammodernare l’esercito tenendo conto del materiale umano di cui dispone. La nostra risposta è la modularità. I nostri sistemi – il THOR in primis – possono essere scalati secondo necessità. Avremo quindi alcuni soldati con suite complete e molti altri con configurazioni più semplici ma con la possibilità di scambiare informazioni con gli altri. Alla fine l’intero sistema è adeguato alle esigenze dell’esercito, ma anche economicamente abbordabile. Per concludere, la risposta è sì, c’è un aspetto politico – a livelli multipli – che condiziona il nostro operato industriale e l’assetto della nostra azienda.

Jerry Kettunen, COO di Savox Communications, mostra i prodotti dell’azienda a Londra, DSEI 2015

In your business, do EU-dedicated policies matter? Why?

On a strategic level, as I previously mentioned, yes. In particular, a more open defence market, at least amongst all Europeans, would help considerably. Let me explain. The biggest EU countries that host their home industries tend to prefer their own companies and most of their defence budget is spent at home. Finland, on the other hand, spends a lot of money in purchasing abroad. As we are in Europe, why shouldn’t we all behave in the same way, according to common rules? Also, if other countries’ national industries do not have the kind of products we can offer at a reasonable price, it would be worthier purchasing from us, rather than spending more on having their nationally-produced, expensive and less capable systems. At the end of the day, when Finland finds it needs something that we do not produce ourselves, it buys from the others. So, to sum up, we do believe EU policies matter and should offer an opportunity for all European countries to compete fairly in Europe, but today, what we see, is different. The biggest EU countries play at influencing the others through the EU, favouring their own industry only. In such an environment, it is difficult thinking about true European solutions.

Nei vostri affari, le politiche dedicate a livello UE hanno importanza? Perché?

A livello strategico, come evidenziato, sì. In particolare, un mercato europeo del settore difesa più aperto, almeno a livello continentale, aiuterebbe sensibilmente. Mi spiego: i Paesi UE più grandi che dispongono di industrie proprie tendono a preferire le loro stesse aziende e la maggior parte del loro budget viene speso internamente. La Finlandia, invece, spende molti soldi acquistando all’estero. Dal momento che siamo in Europa, perché non possiamo comportarci tutti secondo un regolamento comune? Se le industrie nazionali non hanno il tipo di prodotti che noi possiamo offrire a costi ragionevoli, sarebbe più conveniente comprare da noi, piuttosto che spendere di più per avere il loro prodotto nazionale, ma costoso e meno capace. Quando la Finlandia necessita di qualcosa che noi non produciamo lo compra dagli altri. Per tirare le somme, noi crediamo che le politiche dedicate a livello UE siano importanti e che debbano offrire un’opportunità a tutti i Paesi europei per competere lealmente in Europa, ma oggi quello che vediamo è diverso. I Paesi europei più grandi puntano a influenzare gli altri attraverso l’Unione europea, favorendo solo la propria industria. In questo ambiente è difficile pensare a soluzioni comuni.

Our interview ends here. We would like to thank Mikael Westerlund, Jerry Kettunen, and Tim Guest (ATROPOS Communications) for their kind cooperation!

Marco Giulio Barone

Video – Il concetto operativo del sistema THOR

Un chicco in più

Savox Communications was founded in 1982 and today is one of the largest professional communication solution providers in the world, delivering communications products designed for use in demanding and hazardous environments by military, maritime, police, security, fire, rescue, and industrial end users. The Savox Communications Group, with headquarters in Luxembourg and operations in Finland, Germany, France, the UK, the US, Canada and the PRC, has created a global manufacturing network to support customers in all of its main geographical markets. Savox Communications had a central coordinator role in the Future Warrior Technology Program PVTO2012 and just recently Savox launched THOR – the new tactical headgear system designed for the needs of armed forces, special forces, marine and SWAT units and a wide variety of other military and security end users.

Savox Communications è stata fondata nel 1982. Ad oggi è uno dei principali provider di soluzioni per le comunicazioni professionali al mondo, distribuendo prodotti per le comunicazioni che militari, marinai, forze di polizia e sicurezza, vigili del fuoco, soccorritori e utilizzatori industriali possono impiegare in contesti complessi e rischiosi. Il gruppo Savox Communications, basato in Lussemburgo e operativo in Finlandia, Germania, Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti, Canada e Repubblica Popolare Cinese, ha creato una rete di produzione mondiale per supportare i clienti nei loro mercati principali. Savox Communications ha ricoperto un ruolo centrale di coordinamento nel Future Warrior Technology Program PVTO2012, e ha recentemente lanciato THOR – il nuovo tactical headgear system disegnato per i bisogni delle forze armate, delle forze speciali, dei marine, delle unità SWAT, e di un’ampia gamma di altri utilizzatori militari e del settore sicurezza.

Questa intervista è parte dello Speciale DSEI 2015. Vi suggeriamo di consultarlo per approfondire i temi del salone e leggere le interviste già pubblicate.

0 comments