contatore visite gratuito
Home - Interviste - Un Caffè con Jaime Rico, Combitech
Courtesy of Combitech

Un Caffè con Jaime Rico, Combitech

Miscela strategicaDurante DSEI abbiamo avuto modo di parlare con Jaime Rico, direttore marketing e vendite della sezione difesa della svedese Combitech. Europa, politiche industriali e competitività i temi affrontati con il sig. Rico

First of all I would like to know which are your best performing products and how relevant is your industry within your country and at the international level

Combitech AB is actually a service provider. We do not have any product, our best “products” are our consultants.
We are part of the SAAB group, but we are totally independent – having our own board, our CEO. We have been in this business for fifty years; the company has been different all times during these years, except for the last ten, in which it has looked like it is today.
We are 1.500 people. Business is mostly domestic – so in Sweden – thanks to the ownership of SAAB. Of course SAAB is a big customer for us in defence industry, but the biggest one in defence is FMV, the Swedish Defence Material Administration. We are now following SAAB outside the Swedish borders – namely to the UAE and to Brazil – and the purpose is to be more internationalised.

What kind of consultancy do you provide? Is it technical consultancy only?

We are a service provider within technical issues. So we are developing all the products exposed here at the SAAB booth, we are involved in Gripen, in submarines and in other underwater systems. We are also involved in the dual-use field, for example for what concerns radars, communication systems and border surveillance systems.

Considering your experience in the consulting field, how the policies decided by EU Commission affect the defence market within your country?

The biggest influence regards planning field actually – the EU laws concerning the defence sector, the suggestions for new laws and how the defence market would act in the future.
We – the whole Europe – have been struggling with that for 25 years, and we have not seen that much changing yet. I mean, we (the market) believe that offsets should not exist, because it is good when you have an open market.
As a French general stated a couple of years ago, we need a bigger crisis in Europe to understand that working together is more important than challenging each other.
That said, nowadays we see countries not so keen to let other companies – from inside and outside the EU – to get into the bids.
In practice, every government is still trying to protect its own companies and factories. To some extent this is part of states’ “duties”. I believe it is not an easy task for politicians… it is really hard to be a political leader and to say «ok, from now on Sweden will be the only country in the world to deliver submarines, Germany will be the only one to deliver tanks, telecommunications will be delivered by Italians». It does not work like that, so it is a difficult situation.
But if we analyse the midterm we could expect some positive changes. What we have seen in the last five years is a growing effort for working together: we could be competitor one time and partners another time, as has already been demonstrated in several cases.
On the one hand, we see that there is a will from the companies’ side, from the industry, to cooperate broader and deeper. But on the other hand the creation of a political framework allowing this collaboration is a really critical issue. In sum, there is a kind of discrepancy between what industries want and what states actually do.

Innanzitutto vorrei sapere quali sono i vostri prodotti di punta e qual è la posizione della vostra azienda nel panorama nazionale e internazionale

Combitech AB è un “service provider”. Non vendiamo alcun prodotto, i nostri “prodotti” migliori sono i nostri consulenti.
Siamo parte del gruppo SAAB, ma allo stesso tempo siamo totalmente indipendenti – abbiamo il nostro consiglio di amministrazione, il nostro amministratore delegato.
Operiamo nel settore da cinquant’anni; durante questo periodo la struttura della compagnia ha subito frequenti modifiche, eccetto negli ultimi dieci anni – nei quali ha mantenuto la configurazione attuale.
Siamo 1.500 persone. La nostra attività si svolge prevalentemente a livello nazionale – dunque in Svezia – grazie alla proprietà di SAAB. Relativamente al settore difesa SAAB è per noi un cliente rilevante, anche se il più importante è la FMV, l’Amministrazione svedese per i materiali di armamento. Attualmente stiamo seguendo SAAB fuori dai confini svedesi – negli Emirati Arabi e in Brasile – per poterci meglio internazionalizzare.

Di che tipo di consulenza vi occupate? È soltanto di tipo tecnico?

Siamo un service provider relativamente a questioni tecniche. Stiamo dunque sviluppando  tutti i prodotti qui visibili presso lo stand SAAB, siamo coinvolti nei Gripen, nei sommergibili e nei sistemi sottomarini. Lavoriamo anche nel settore dual-use, ad esempio per ciò che riguarda radar, sistemi di comunicazione e sistemi di controllo delle frontiere.

Sulla base della vostra esperienza nel settore, come le politiche della Commissione europea influenzano il mercato della difesa nel vostro Paese?

La maggiore influenza riguarda l’attività di pianificazione – le leggi europee e le proposte inerenti il settore difesa, e quale sarà il futuro funzionamento del settore.
Noi – l’intera Europa – abbiamo faticosamente combattuto per questo negli ultimi venticinque anni, ma non abbiamo ancora visto cambiamenti di rilievo. Noi (il mercato) crediamo che le compensazioni industriali non dovrebbero esistere, perché è conveniente avere un mercato aperto.
Come dichiarato da un generale francese un paio di anni fa, in Europa abbiamo bisogno di una grande crisi per poter comprendere che lavorare insieme è meglio che sfidarsi a vicenda.
Detto ciò, attualmente vediamo Stati che non sono molto propensi a lasciare che altre aziende – europee e non – partecipino ai bandi.
In pratica, ogni Governo sta ancora cercando di proteggere le compagnie e le aziende nazionali. Per certi versi questo fa parte dei “doveri” statali. Credo non sia una questione facile per i decisori politici…è davvero difficile essere un leader politico e dire «ok, da oggi la Svezia sarà l’unico produttore mondiale di sottomarini, la Germania di carri armati, mentre le telecomunicazioni saranno appannaggio degli italiani». Nella realtà non funziona così, quindi la situazione è complessa.
Ma se ci spostiamo su un orizzonte di medio termine possiamo aspettarci dei cambiamenti positivi. Ciò a cui abbiamo assistito negli ultimi cinque anni è una spinta crescente per lavorare tutti insieme: possiamo essere concorrenti un caso, e partner in un altro, come è stato dimostrato in molteplici occasioni.
Da una parte si può notare la volontà da parte delle aziende, del settore industriale, di cooperare maggiormente e più a fondo. Dall’altra la creazione di una cornice politica che lo consenta è una questione particolarmente critica. In sintesi, c’è una sorta di discrepanza tra quello che le aziende di settore vogliono e quello che gli Stati fanno.

Come ricorda Jaime Rico, i migliori "prodotti" dell'azienda sono i suoi consulenti
Come ricorda Jaime Rico, i migliori “prodotti” dell’azienda sono i suoi consulenti. Courtesy of Combitech

 

Going back to your industry in particular, do international crises and the national and European foreign politics affect your performance?

I do not know if they affect our performance, but I am sure that they really affect decision making. Two or three years ago every country in Europe was cutting its defence budget, while today most of those countries are increasing them again. This is one of the consequences of the tensions at Europe’s gates.
What I feel very happy though, is that in response to these crisis situations we have decided to open our borders and to let people move around Europe. This is important and it is underlining that we are also considering solutions other than increasing the items for weapons systems, such as dual-use border controlling. And at the end this is helping people and not creating new obstacles. This is good in such way. What it is not good, of course, is tensions’ rising. A colleague of mine said he talked to a person who knows, and who is almost 90 years old today, and who said he feels that tensions in the world today are similar to the ones of 1939. And that is not a good sign.

So, in general, do geopolitics matter for what concerns your activities?

Yes, of course it does. I attended the SERA course (European Session of Armament Officials) organised by the French IHEDN (Institut des hautes études de défense nationale). It is joined by high rank militaries and executives of the industry, and the aim is to study opportunities for further European collaboration in the defence sector. I took part in it two years ago, and what I saw during the course is that geopolitics affects every country: everyone wants to be prepared in case of crises. Nowadays we are seeing lots of people in Europe going from border to border, searching for safety for themselves and their families. There are tensions and crises, even war-like situations, worse than we have had for many years. I believe that 30 years ago a crisis spread in Africa would not have affected Europe so much, but now what happens in every part of the world has an influence on our continent. The world is now more interconnected than in the past, and we must be prepared for that.

Tornando alla vostra azienda, le crisi internazionali e la politica estera nazionale ed europea influenzano la vostra performance?

Non so se influenzano la nostra performance, ma so che influenzano largamente i processi di decision making. Due o tre anni fa ogni Paese europeo stava diminuendo le proprie spese per la difesa, mentre oggi – nella maggior parte dei casi – la tendenza si è invertita. E questa è una conseguenza delle crescenti tensioni alle porte dell’Europa.
Ciò che mi rende felice è che in risposta a queste crisi abbiamo deciso di aprire le frontiere e lasciare che le persone si muovessero liberamente in Europa.
Questa è una cosa importante, che sottolinea che stiamo considerando anche soluzioni diverse da quelle prettamente militari, come il controllo delle frontiere con sistemi dual-use. E questo, alla fine, sta aiutando le persone, e non creando nuovi ostacoli. Quello che, ovviamente, non è un bene, è l’aumento delle tensioni. Un mio collega mi ha raccontato di aver parlato con un conoscente quasi novantenne, che ha raccontato di percepire queste tensioni come simili a quelle del 1939. E questo non è affatto un buon segno.

Quindi, in generale, la geopolitica è importante per le vostre attività?

Certo che lo è. Ho avuto la possibilità di seguire il corso SERA (Sessione europea dei responsabili degli armamenti) organizzato dall’istituto francese IHEDN (Institut des hautes études de défense nationale). È aperto alla partecipazione di ufficiali di altro rango e dirigenti dell’industria, ed è finalizzato allo studio di nuove opportunità di collaborazione europea nel settore difesa. Ho preso parte due anni fa, e quello che ho potuto riscontrare durante la frequenza è che la geopolitica è importante per tutti i Paesi: ciascuno di questi vuole essere preparato in caso di crisi.
Oggigiorno vediamo molte persone spostarsi da una frontiera all’altra in cerca di sicurezza per se stessi e per le proprie famiglie. Ci sono tensioni, crisi e situazioni quasi di guerra, e sono le peggiori cui abbiamo assistito da molto tempo a questa parte. Credo che trent’anni fa una crisi verificatasi in Africa non avrebbe influenzato particolarmente l’Europa. Ma oggi qualsiasi cosa accada, in qualsiasi parte del mondo, ha delle conseguenze per il nostro continente. Oggi il mondo è decisamente più interconnesso che in passato, e dobbiamo essere preparati a questo.

Our interview ends here. Thank you to Mr. Rico and Combitech for the kind cooperation!  

Giulia Tilenni

Un chicco in più

Combitech AB is a Swedish technical consultancy company dealing with technology, environment and security. For what concern the latter, main customers are industries, as well as representatives of aerospace, defence and telecommunications sectors.

Combitech AB è una società di consulenza tecnica svedese, che si occupa di tecnologia, ambiente e sicurezza. Relativamente all’ultimo settore, i principali clienti sono le aziende ed esponenti dei settori aerospazio, difesa e telecomunicazioni.

Per chi volesse approfondire, questa intervista è parte integrante dello speciale che Il Caffè Geopolitico ha dedicato al salone DSEI 2015.

0 comments